Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:05 - Lettori online 1127
POZZALLO - 30/05/2008
Cronache - Pozzallo - Sembra il remake de "I soliti ignoti", ma è la realtà

La tentata rapina da comiche
di 2 "fantozziani" malviventi

I due improbabili rapinatori sono comunque riusciti a fuggire Foto Corrierediragusa.it

Ladri maldestri tentano il colpo della vita, rapinando un istituto di credito, ma la rapina si trasforma in un’odissea «fantozziana». E’ accaduto ieri mattina, verso le 11, ai danni della filiale della banca del Credito Siciliano (nella foto), nella centralissima via Mario Rapisardi, di fronte alla Società Operaia di Pozzallo.

Secondo quanto riferito dai Carabinieri della stazione di Modica, due uomini, (uno con addosso il passamontagna, l’altro senza, forse l’aveva dimenticato), dall’accento catanese, si sono presentati, taglierini in mano, di fronte all’unico impiegato che, in quel momento, si trovava all’interno della banca. La tattica era stata sicuramente studiata a tavolino. Il primo avrebbe puntato il taglierino alla gola del dipendente, l’altro avrebbe fatto da palo e, possibilmente, avrebbe dato una mano ad incassare quanto trovato nel caveau della banca.

E così, infatti, è stato. I guai, però, iniziano nel momento in cui decidono di entrare in banca. I due maldestri vengono avvisati che il timer della cassaforte si apre solo in casi di prelievo e, non circolando contanti, in quel momento, era praticamente impossibile aprire la cassaforte. Vista l’impossibilità di portare a termine la rapina, i due lestofanti decidevano di scappare a mani vuote, prima che qualcuno potesse avvisare i carabinieri della locale stazione. Dalla testimonianza di alcuni iscritti alla Società Operaia, preso dalla foga, pare che uno dei due sia pure inciampato, cadendo per terra, al momento dell’uscita. La pioggia, difatti, che era scesa in mattinata, aveva reso sdrucciolevole il marciapiede, attiguo all’edificio.

Per tutta la mattinata, i carabinieri di Pozzallo hanno cercato, anche con alcuni posti di blocco per la città, i due malviventi, ma, di loro, si sono perse le tracce. Al momento, l’unica cosa buona riuscita.