Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:57 - Lettori online 781
POZZALLO - 09/06/2014
Cronache - Proseguono le indagini della polizia giudiziaria

Tre morti e 2 dispersi nello sbarco tragico di domenica sera a Pozzallo nelle fasi di trasbordo dal barcone alla nave. Arrestato uno scafista

Le dichiarazioni di un testimone sono agghiaccianti: "Qualcuno di noi preso dalla fame e dalla sete chiedeva cibo ed acqua e per questo veniva picchiato dai libici" Foto Corrierediragusa.it

Il gommone si avvicina alla motonave che avvia le pratiche di soccorso: una corda lo tiene ancorato alla scaletta, ma mentre i primi migranti salgono il gommone urta la nave, si fora e si scatena il panico. Sono le scene riprese da una telecamera della maltese Norient Star che mostra la tragedia del mare costata la vita a tre uomini, annegati, mentre altri due sono dispersi. La motonave ieri è sbarcata a Pozzallo e dopo gli accertamenti giudiziari, con acquisizione del filmato, ha ripreso il largo. I migranti caduti in mare indossavano tutti i giubbotti di salvataggio che erano stati lanciati loro dall´equipaggio. Sono stati tenuti sott´acqua dal gommone rovesciato. La tragedia sarebbe avvenuta in acque libiche. Dalle riprese, spiegano gli investigatori, "appare evidente che le fatiscenti condizioni del gommone utilizzato per la traversata non hanno retto al peso eccessivo durante le fasi di trasbordo". In 20 erano già saliti ed erano in salvo, quando il gommone strisciando sulla scaletta si è forato, mentre si sgonfiava alcuni migranti, presi dal panico, si sono lanciati in mare. Una volta capovolto il gommone li ha trattenuti sott´acqua. Intanto la polizia giudiziaria ha arrestato lo scafista egiziano responsabile di aver condotto un peschereccio con 320 migranti: le manette sono scattate per Hazim Mohamed Yousef Abd Lwahid Sumaa (foto), 36 anni. All’organizzazione sono rimasti in tasca 560mila dollari e quasi mille allo scafista. Le dichiarazioni di un testimone sono agghiaccianti: "Qualcuno di noi preso dalla fame e dalla sete chiedeva cibo ed acqua e per questo veniva picchiato dai libici". Continuano intanto le indagini inerenti lo sbarco di 102 migranti avvenuto domenica sera al porto di Pozzallo. Dal video, oggetto di analisi della polizia giudiziaria, si è appreso che durante le fasi di trasbordo, dal gommone alla petroliera, vi è stato un incidente che ha fatto cadere tutti in acqua. Si registrano 2 dispersi e 3 giovani deceduti per annegamento e ancora da identificare.

Sempre al porto di Pozzallo sono arrivati altri 211 migranti. Il centro di prima accoglienza ospita attualmente circa 400 persone. Con l´ultimo sbarco il numero degli extracomunitari approdati quest´anno nel paese ragusano ha superato quota 11 mila. Cifre da capogiro per un paese che continua a vivere l´emergenza immigrazione con grande preoccupazione.