Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 840
POZZALLO - 01/06/2014
Cronache - Al giovane pozzallese sono stati concessi gli arresti domiciliari

Pusher incensurato cede marijuana

Il pusher era in possesso di cinque dosi di marijuana e di circa 50 euro Foto Corrierediragusa.it

Neanche il tempo di riaprirla al pubblico, la villa comunale, che già gli spacciatori di droga vi eleggono il domicilio per fare affari. Ma i carabinieri non hanno concesso il tempo di mettere radici al 20enne incensurato pozzallese Gioele Giardina (foto). Il giovane è stato difatti colto in flagranza sabato sera mentre cedeva due dosi di stupefacente al altrettanti acquirenti, entrambi minori di 16 anni, che avevano appena fatto scivolare il contante nelle mani del pusher. L’atteggiamento furtivo dei giovani e la mossa fulminea del passaggio di droga e denaro non sono sfuggiti ai militari appostati in borghese nella villa, che non hanno perso tempo nel bloccare il terzetto. Giardina teneva nascoste nelle tasche dei jeans cinque dosi di marijuana e circa 50 euro, sicuro provento dell’attività di spaccio. Ma non solo: i due acquirenti di droga, come accennato, sono risultati persino minorenni. Viste la flagranza e le evidenti responsabilità di Giardina, i Carabinieri lo hanno dichiarato in arresto per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini dello spaccio. Alla luce del fatto che fosse incensurato, al giovane pusher sono stati concessi i domiciliari nella sua abitazione, dove vive con gli ignari genitori, in attesa del processo per direttissima.

Quest’ultimo arresto, che si inquadra nella costante attività di monitoraggio dei carabinieri allo spaccio di droga, evidenzia purtroppo come il fenomeno stia attecchendo sempre più tra i giovani, con acquirenti minorenni e pusher incensurati, come nel caso in oggetto.