Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 858
POZZALLO - 07/05/2014
Cronache - Inquietante episodio nella cittadina marinara

Presunto pedofilo spia i bimbi nelle scuole con la reflex

Pare che l’uomo abbia agito in questo strano modo da alcuni giorni Foto Corrierediragusa.it

Quello che sembra essere un presunto pedofilo si è appostato sotto la scuola media «Rogasi» con la sua macchina fotografica in attesa che uscissero gli alunni dal plesso scolastico. Al suono della campanella, ha cominciato a scattare fotografie in direzione dell´ingresso della scuola, incurante degli sguardi vigili di alcuni genitori. Stessa scena qualche minuto dopo nei pressi della scuola elementare «Centrale», sita in via Garibaldi. Fotografie a ripetizione, realizzate senza il consenso dei genitori. Un genitore ha chiesto conto e ragione all´ignoto fotografo, salvo poi essere apostrofato con un linguaggio davvero poco elegante. Dopo un alterco, l´ignoto "fotografo" è salito sulla propria automobile parcheggiata nei pressi della «Centrale» e ha fatto perdere le proprie tracce.

E´ l´assurda quanto incredibile storia successa ieri mattina (ma c´è chi giura di aver visto l´uomo anche due giorni fa) e che ha scatenato l´ira di alcuni genitori, sconvolti dall´ignoto «paparazzo» che immortala i minori senza alcun consenso. I fatti hanno anche allarmato molti padri di famiglia i quali, ieri, sul social network di Facebook hanno condiviso notizie ed indiscrezioni sull´accaduto. Sembra che qualcuno si sia rivolto pure ai vigili urbani del Comune al fine di tutelare i propri figli. L´uomo è stato descritto coi capelli bianchi, occhiali da sole, apparente età di 50 anni circa.

Nessuno può permettersi di fotografare ed eventualemente pubblicare le foto di minori, specie se poi tale materiale viene destinato ad internet dove gli effetti lesivi sono moltiplicati. La nostra Costituzione è alquanto rigida nel ricordare che l’interesse del minore (e così anche quello della sua privacy) deve essere sempre preminente a qualsiasi altro interesse, ivi compresa la cronaca. La pubblicazione del volto potrebbe avvenire solo nel caso di notizie che rivestano interesse pubblico. Sicuramente non è nel caso del presunto fotografo di minori.