Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 798
POZZALLO - 25/04/2014
Cronache - Sono arrivati complessivamente 398 clandestini, la maggior parte siriani

ULTIM´ORA - Sbarco di 398 siriani a Pozzallo con 12 neonati e 78 bambini. La visita di Faraone

Intanto oggi visita al centro di prima accoglienza dell’on Davide Faraone, componente della segreteria nazionale del Pd Foto Corrierediragusa.it

Nuova ondata di sbarchi sulle coste siciliane. In 400 arriveranno nel pomeriggio a Pozzallo e altri mille 400 domattina tra Augusta e Porto Empedocle. Ci sono quasi un centinaio tra bambini e neonati tra i migranti in arrivo a Pozzallo dove oggi è stato in visita l’on Davide Faraone, componente della segreteria nazionale del Pd in visita stamani al centro di prima accoglienza di Pozzallo. "L´accoglienza resta una priorità per l´Italia". La pensa così Faraone sull’operazione «Mare Nostrum» che costa all’Italia 300mila al giorno. A Pozzallo sono sbarcati 398 siriani con 12 neonati, 78 bambini e 60 donne di cui qualcuna in stato di gravidanza. E’ solo una parte della nuova ondata di sbarchi che investirà le coste siciliane nelle prossime ore. Altri mille clandestini arriveranno difatti domattina ad Augusta a bordo della nave San Giorgio e 400 approderanno a Porto Empedocle.

Quasi 2mila migranti in meno di 24 ore soccorsi nel canale di Sicilia, compresi i 398 arrivati a Pozzallo sulla nave «Urania» della marina militare che li ha intercettati a sud di Lampedusa. Operazioni rese più delicate dalla presenza, come accennato, di 78 minorenni e 12 neonati sottoposti ai rischi della traversata stipati come sardine su una imbarcazione precaria. Proprio per la presenza di bimbi e neonati tra i clandestini Faraone resta convinto che l’accoglienza resta un priorità per l’Italia nonostante i costi esorbitanti.