Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 648
POZZALLO - 20/04/2014
Cronache - Ad avere la peggio l’ausiliario del traffico con trauma cranico e toracico

Rissa per una multa a Pozzallo: 3 in ospedale, un ricovero

Il motivo, da quanto riferito da alcuni testimoni, pare sia stato il mancato pagamento del ticket dal quale è scaturita la multa Foto Corrierediragusa.it

Botte da orbi tra un ausiliario del traffico addetto ai parcheggi delle zone blu a pagamento e due cittadini pozzallesi (un automobilista e l´amico che viaggiava con lui) per una multa. Succede in pieno centro, nei pressi della scuola media «Rogasi», davanti a molte persone, alcune delle quali sono intervenute per sedare la rissa. Il motivo, da quanto riferito da alcuni testimoni, pare sia stato il mancato pagamento del ticket dal quale è scaturita la multa. Forse l´intento dell´automobilista era quello di sostare alcuni secondi nelle zone blu e poi ripartire, fatto sta che i tre hanno avuto una colluttazione, finita con l´intervento del personale del 118. Sono giunti anche gli agenti di polizia locale. Per l´ausiliario della sosta G.P., pozzallese, il personale medico dell´ospedale «Maggiore» di Modica ha refertato 20 giorni di prognosi per trauma cranico e toracico e dovrà restare per qualche giorno ricoverato nel reparto di chirurgia.

Gli altri due pozzallesi sono stati dimessi dal personale ospedaliero. Il primo, G.G., ha subito un trauma cranico contusivo, con otto giorni di prognosi. L´altro, F.G., ha subito un trauma cranico minore con ferita lacero contusa alla mano destra, sette i giorni di prognosi. E´ la prima volta, da quando vige il sistema della sosta a pagamento, che un alterco fra ausiliario e automobilista finisca in lite e conseguente ricovero in ospedale.