Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 1156
POZZALLO - 11/04/2014
Cronache - La nota di palazzo La Pira sulla vicenda giudiziaria al via davanti al gup

Appalti sospetti a Pozzallo: Ammatuna fiducioso

Dinanzi al gup sono comparsi i legali rappresentanti della «Geo Ambiente», dirigenti e funzionari comunali Foto Corrierediragusa.it

Sulle presunte irregolarità nell´assegnazione di appalti nella gestione della nettezza urbana, da palazzo La Pira giunge la nota del sindaco Luigi Ammatuna (foto), il quale si dice fiducioso del lavoro della Magistratura e, nel contempo, attende sviluppi. È la medesima vicenda da cui ha preso avvio la rescissione del contratto con la Geo Ambiente e che è già stata valutata dal Tar di Catania come non significativa per giustificare la rescissione dell´appalto alla «Geo». Tutto, però, è in alto mare. La prossima udienza, difatti, è fissata per luglio. Nonostante tutto, il primo cittadino di palazzo La Pira è intervenuto per chiarire la posizione dell´Ente comunale. "In relazione al procedimento penale avviatosi con l´udienza preliminare tenutasi il 9 aprile avanti al Gup del Tribunale di Ragusa per fatti connessi con la gestione del contratto con la ditta Geoambiente – è scritto nella nota a firma di Luigi Ammatuna - l´Amministrazione Comunale di Pozzallo ha assunto la decisione di attendere, prima della costituzione di parte civile, le determinazioni della Magistratura per l´eventuale rinvio a giudizio degli imputati coinvolti. Fermo rimanendo l´impegno per la corretta gestione della cosa pubblica e per la costante e puntuale osservanza del principio di legalità, la eventualità di un proscioglimento degli imputati o di alcuni di essi in questa fase procedimentale, avrebbe potuto implicare spese non indifferenti che, in definitiva, si sarebbero rivelate non indispensabili. Fiduciosa nell´operato del Giudice che deciderà la celebrazione del procedimento o la sua archiviazione, la Giunta Comunale – conclude la nota - delibererà di tutelare le ragioni del Comune nella eventuale, successiva, fase processuale, costituendosi parte civile nei confronti degli imputati che venissero rinviati a giudizio".

APPALTI SOSPETTI: IL PROCEDIMENTO AL VIA IN UDIENZA PRELIMINARE
Grosse irregolarità nell´assegnazione di appalti per svariati milioni di euro nel settore dell’igiene urbana, con la presunta distrazione di centinaia di migliaia di euro accertata dalle indagini degli inquirenti nel periodo antecedente al 2010 a Pozzallo. Sono svariati i reati contestati a 15 imputati, oltre alla «Geo Ambiente Srl», nella prima udienza preliminare del procedimento per truffa, falso in atto pubblico, abuso d’ufficio, attività finanziaria abusiva, frode in pubbliche forniture, rivelazioni di segreti d’ufficio e persino violenza a minacce a pubblico ufficiale. Tra gli imputati c´è l’ex sindaco di Pozzallo Giuseppe Sulsenti.

Dinanzi al gup Giovanni Giampiccolo sono comparsi pure i legali rappresentanti della «Geo Ambiente», nonché dirigenti e funzionari comunali, per rispondere dei reati contestati, ciascuno limitatamente alle rispettive responsabilità. Per la «Geo Ambiente» è stata nel frattempo avanzata richiesta di concordato preventivo, con la conseguente nomina di un commissario giudiziale. La prossima udienza è stata fissata a luglio.