Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 931
POZZALLO - 10/03/2014
Cronache - Un altro africano pronto a trasferirsi a Malta con la droga

Nigeriano bloccato al porto con 3 chili di marijuana

E’ il quinto corriere che opera nel tratto Sicilia-Malta arrestato dalle Fiamme gialle Foto Corrierediragusa.it

Un altro cittadino africano pronto a trasferirsi sull´isola di Malta con un cospicuo quantitativo di marijuana è stato fermato venerdì scorso dai finanzieri della Guardia di Finanza di Pozzallo. Si tratta di Bello Bashiru (foto), di nazionalità nigeriana, accusato di detenzione e traffico di sostanze stupefacenti. L´uomo è stato fermato qualche minuto prima che lo stesso salisse sul catamarano che opera al porto e che, quotidianamente, fa la spola fra l´Italia e l´isola dei Cavalieri. Occultati nello zaino che portava a spalla, oltre allo stupefacente, anche alcuni bastoncini di incenso utili per nascondere il forte odore delloo stupefacente. Le forze dell´ordine, però, non hanno abboccato e, dopo un apposito controllo di rito, hanno trovato nello zaino più di 3 chili di sostanza stupefacente. Il nigeriano è stato condotto presso il carcere di Ragusa, a disposizione dell´autorità giudiziaria competente. Lo stupefacente, invece, presso i laboratori dell´Asp di Ragusa per verificarne l´esatto peso, la qualità e il principio attivo. L´operazione è stata condotta sinergicamente dalla Guardia di Finanza di Pozzallo e dai funzionari doganali di stanza al porto.

Salgono così a cinque i fermati, tutti di nazionalità africana, coinvolti da inizio anno nel traffico di stupefacenti che si registra sull´isola maltese. I controlli mirati dei finanzieri e dei funzionari doganali, all´imbarco del catamarano, hanno ancora una volta permesso di bloccare il rifornimento di stupefacenti sull´isola di Malta. Nel mirino delle forze dell´ordine, l´organizzazione criminale che opera oramai in maniera consolidata sull´asse Sicilia-Malta.