Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:17 - Lettori online 717
POZZALLO - 22/02/2014
Cronache - Manette per 5 africani che erano sbarcati a Pozzallo dal catamarano

Documenti falsi: arrestati allo sbarco

Continua egregiamente il lavoro degli addetti della Dogana Foto Corrierediragusa.it

Cinque africani sono scesi dal catamarano con dei documenti per l´espatrio palesemente falsi ma le forze dell´ordine li hanno bloccati prima che i cinque lasciassero la città di Pozzallo. É successo, venerdì mattina, attorno alle ore 9, orario in cui il catamarano della compagnia maltese giunge a destinazione, proveniente dall´isola dei Cavalieri. In particolare, i cinque uomini (4 somali e un ghanese) sono stati fermati dai carabinieri che svolgono operazioni di controllo della frontiera. Al nervosismo palesato da alcuni, i carabinieri hanno voluto vederci chiaro. Difatti, una volta acquisiti i documenti, i carabinieri hanno condotto i cinque africani presso i propri uffici, siti sul lungomare Raganzino, al fine di effettuare gli accertamenti sui fermati. Dopo un rapido controllo, le forze dell´ordine hanno appurato che i documenti erano falsi. Secondo quanto riferito dalle forze dell´ordine, i cittadini somali venivano trovati in possesso di permessi di soggiorno, documenti di viaggio e carte d’identità falsi mentre il ghanese era in possesso sia di un passaporto ghanese falso, sia di un documento d’identità, rilasciato dalle autorità maltesi, anch’esso falso e riportante generalità corrispondenti ad altra persona. Tutti i cinque stranieri sono stati dichiarati in arresto dai Carabinieri e dovranno rispondere dell’accusa di possesso di documenti validi per l’espatrio falsi, falsa attestazione a Pubblico Ufficiale sull’identità ed ingresso clandestino su territorio nazionale. I cinque africani, di età compresa fra i 21 e i 29 anni, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Ragusa, sono stati condotti presso la casa circondariale iblea.

Continua egregiamente il lavoro degli addetti della Dogana, più volte impegnati in passato a scovare documenti falsi fra i passeggeri del catamarano. Solo negli ultimi anni, sono stati arrestati diversi africani, immigrati della Costa d´Avorio, Somalia e Ghana, per possesso di documenti falsi. Non è escluso che, sull´isola maltese, ci sia una stamperia che rifornisca gli africani di documenti contraffatti.