Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1169
POZZALLO - 16/05/2008
Cronache - Pozzallo - Nessun danno alle persone

Attimi di terrore per le fiamme
divampate in un parcheggio

Ieri pomeriggio fra la via Ludovico Ariosto e la via Luigi Sturzo Foto Corrierediragusa.it

Attimi di terrore per un incendio che si è sviluppato, nelle prime ore del pomeriggio di ieri, in un posteggio sotterraneo (nella foto), fra la via Ludovico Ariosto e la via Luigi Sturzo, sede anche di una cabina elettrica che serve molte vie limitrofe.

Fortunatamente, nessun danno fisico reale è stato perpetrato alle persone che vivono nel palazzo di sei piani, teatro dell’incendio, solo qualche soffocamento, curato sul posto dal personale medico del 118 di Pozzallo. Sulla dinamica dell’incendio, sono ancora in corso le indagini, le quali escluderebbero il dolo. Dalle prime ricostruzioni raccolte sul posto, invece, pare che diversi cavi elettrici scoperti siano stati raggiunti da alcune infiltrazioni d’acqua, partite da un’autoclave, accertatasi poi difettosa. In pochi minuti, il fumo, che proveniva dal posteggio sotterraneo, si è propagato sia nelle case limitrofe sia nei piani alti dello stesso palazzo, incutendo molta paura ai residenti del posto.

Sul posto sono arrivati i pompieri di Modica, i quali hanno dovuto faticare non poco per avere ragione delle fiamme. Solo dopo 40 minuti, l’incendio è stato, difatti, domato. Nel frattempo, fra la via Sturzo e la via Ariosto, sono arrivati sia i Carabinieri di Pozzallo sia un’autoambulanza del presidio del 118 pozzallese.

Tanta paura, quindi, e una stima dei danni che ammonterebbe a diversi milioni di euro. Da registrare anche l’intervento degli uomini dell’Enel che, avvisati del guasto provocato, hanno lavorato per ripristinare la corrente elettrica che, in molte case, durante tutto l’arco del pomeriggio, era stata tolta. C’è da rimarcare, infine, la lamentela che i residenti del palazzo colpito dall’incendio hanno manifestato agli stessi elettricisti dell’Enel, chiedendo che la cabina elettrica fosse allocata altrove, per evitare che si ripetessero altri incendi, per il futuro.