Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 979
POZZALLO - 13/01/2014
Cronache - Sono arrivati in 117

Primo sbarco del 2014 a Pozzallo: c´è una donna incinta

Sul gommone, 94 uomini e 23 donne Foto Corrierediragusa.it

Primo sbarco dell´anno al porto di Pozzallo con 117 migranti giunti in Sicilia qualche minuto dopo le ore 18. Sul gommone, 94 uomini e 23 donne, molti dei quali hanno accusato problemi di ipotermia. La salvezza per tutti è giunta quando i marinai di una nave, battente bandiera greca, hanno trasbordato i migranti sul natante, sottraendoli ad un´altra notte di freddo. Fra i migranti, anche una donna incinta. Nel pomeriggio di domenica, è stata la Guardia Costiera di Palermo a ricevere una chiamata di soccorso da parte dei migranti in difficoltà nel Canale di Sicilia tramite un telefono satellitare. La Centrale Operativa di Roma, allertata dalla Guardia Costiera di Palermo, ha assunto il coordinamento delle operazioni di soccorso ed ha provveduto ad effettuare la localizzazione del punto da cui era partita la chiamata. In accordo con le autorità libiche, è stato dirottato sul punto il mercantile «Aegean Nobility», di bandiera greca, che navigava a circa 10 miglia dal gommone in difficoltà. Giunto sul posto, i migranti sono stati trasbordati a bordo dell´imbarcazione e la stessa ha virato verso il porto di Pozzallo.

Al porto, il personale medico autorizzato ha prestato le prime cure agli africani. La donna incinta è stata inviata all´ospedale «Maggiore» di Modica. Già oggi, se non vi saranno impedimenti, sarà rispedita al centro di prima accoglienza del porto.

Nel primo pomeriggio, 80 migranti sono stati trasferiti presso altra sede. Resta, comunque, alto il numero di presenze di migranti. Sarebbero attorno alle 320 le unità ospitate presso l´ex Dogana. Oggi, invece, cominceranno gli interrogatori per capire se, fra i 117 africani giunti a Pozzallo, vi sia pure qualche scafista.