Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 868
POZZALLO - 18/12/2013
Cronache - Si tratta di una coppia di eritrei

Rinvio a giudizio per i 2 scafisti dello sbarco dei 200

Secondo l’accusa i due avrebbero ricevuto somme di denaro dai clandestini stipati come sardine su un’imbarcazione precaria Foto Corrierediragusa.it

Sono stati rinviati a giudizio i due presunti scafisti eritrei ritenuti responsabili dello sbarco di 200 migranti del 20 novembre 2009 al porto di Pozzallo. Il rinvio a giudizio è stato deciso dal gup del tribunale di Catania Alessandro Ricciardolo a carico di Mastapà Rashid, 25 anni, e Hamada Adhm, di 28, entrambi difesi dall´avvocato Giuseppe Pellegrino. I due imputati dovranno comparire dinanzi ai giudici della Corte d´Assise di Siracusa per rispondere di associazione per delinquere promossa, organizzata e diretta nel tempo in Libia e in Italia e finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Secondo l’accusa i due eritrei avrebbero ricevuto somme di denaro dai clandestini stipati come sardine su un’imbarcazione precaria, mettendo quindi a rischio la loro incolumità. Rashid e Adhm rispondono, in qualità di responsabili della navigazione, anche dell’accusa di essere partiti a bordo di una nave priva delle prescritte dotazioni, che non si trovava in stato di navigabilità.