Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 824
POZZALLO - 05/12/2013
Cronache - L’incontro con la persona sbagliata, nel momento sbagliato

Picchia un uomo, arrestato Garofalo

L’arresto è stato eseguito dai Carabinieri Foto Corrierediragusa.it

L´incontro con la persona sbagliata, nel momento sbagliato. Qualche parola di troppo, infine uno spintone e la rovinosa caduta a terra. E´ tornato nuovamente in carcere Robertino Garofalo (foto), il pozzallese responsabile, stando a quanto riferito dalle forze dell´ordine, dei reati di evasione e lesioni personali. La persona aggredita si è rivolta ai carabinieri della locale Stazione, sporgendo denuncia. Il tutto è successo nella serata di martedì scorso. Nella fattispecie, il Garofalo, dopo aver minacciato di morte l’uomo, nei pressi di viale dei Vespri Siciliani, lo scaraventava violentemente a terra, arrecandogli lesioni giudicate guaribili in 7 giorni, per poi darsi alla fuga. Il pozzallese era agli arresti domiciliari per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e minaccia e resistenza a pubblico ufficiale, commesso lo scorso 8 novembre.

Causa la testimonianza di alcuni testimoni, presenti nei pressi del viale dei Vespri Siciliani, e il successivo riscontro dell´evasione dal proprio domicilio, i Carabinieri, nella giornata di mercoledì, hanno proceduto all’arresto del Garofalo con l’accusa di essere evaso dagli arresti domiciliari cui era sottoposto al fine di commettere i reati di minaccia e lesioni personali, con l’aggravante di aver commesso il fatto entro 3 anni dalla cessazione della misura di prevenzione della sorveglianza speciale cui era sottoposto sino al novembre 2012. Dopo le formalità di rito, il pozzallese è stato rinchiuso presso la Casa Circondariale di Ragusa.