Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 596
POZZALLO - 14/05/2008
Cronache - Pozzallo - Anche gli ultimi 30 immigrati sono andati via

Pozzallo: Svuotati i locali della dogana

Nessuna novità dalle indagini Foto Corrierediragusa.it

I locali della Dogana del porto di Pozzallo hanno chiuso i battenti: anche gli ultimi 30 immigrati che, da diversi giorni, erano rinchiusi dentro il capannone, hanno definitivamente lasciato la città di Pozzallo.

? bastato un fax, arrivato dal centro di permanenza temporanea di Trapani, per far confluire i trenta immigrati clandestini presso il Cpt del capoluogo di provincia siciliano. I trenta, tutti sedicenti somali e tutti richiedenti asilo politico, sono stati stipati, alle prime luci dell’alba, a bordo di un bus, messo a disposizione dalla Questura di Ragusa. L’attesa si è rivelata snervante, per alcuni, causa la lunga degenza presso il capannone della Dogana: qualche immigrato, difatti, era da dieci giorni che stava aspettando l’agognato giorno per uscire dal magazzino adibito a centro di prima accoglienza. Tutti in ottime condizioni, i migranti hanno raggiunto Trapani verso l’ora di mezzogiorno.

Tutto fermo, in questi giorni, in materia di sbarchi. Non placandosi, neanche ieri sera, l’ondata di maltempo che ha sferzato il litorale ibleo, le motovedette della Guardia Costiera e delle Fiamme Gialle sono state costrette a rientrare in fretta nello scalo marittimo pozzallese. Anche le forti raffiche di vento non hanno consentito di perlustrare le acque territoriali. Si aspetta, dunque, solo che migliorino le condizioni meteo-marine per l’arrivo, purtroppo, di nuovi extracomunitari.

Sul fronte indagini, infine, è stato predisposto l’archiviazione dei dati raccolti dagli inquirenti, in questi giorni. Nonostante l’arrivo di più di 100 immigrati, non si è registrata alcuna collaborazione, da parte dei migranti, per individuare possibili scafisti o reperire altre informazioni sulle traversate che, dalla Libia, hanno portato questi disperati sulle nostre coste.