Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 24 Maggio 2018 - Aggiornato alle 20:00
POZZALLO - 12/11/2013
Cronache - E’ successo domenica sera nel giardino della villa comunale

Tentato stupro di 4 immigrati a 2 fidanzati: lei è minorenne

Gli aggressori potrebbero già essere individuati nelle prossime ore

Quattro immigrati bloccano due fidanzatini, 20 anni lui, 17 lei, appartati di sera nel giardino della villa comunale di Pozzallo. Tre di loro tentano di abusare della minorenne mentre un quarto tiene immobilizzato l’impotente ragazzo, che, nel tentativo di divincolarsi, si lacera la maglietta. Uno dei malviventi strappa la catenina d’oro dal collo della ragazzina, le cui urla fanno desistere gli immigrati, che scappano a gambe levate lasciando per terra il monile. E’ successo ieri sera ma la notizia è trapelata solo in queste ore dai Carabinieri, che stanno svolgendo le indagini per risalire ai quattro immigrati, i quali farebbero parte del nutrito gruppo di ospiti del centro di prima accoglienza del porto dopo i viaggi della speranza conclusisi sulle coste iblee. La coppia di fidanzati aggredita ha sporto denuncia, fornendo elementi utili per l’identificazione degli immigrati, i quali, stando alle testimonianze, si sarebbero avvicinati alla coppia in una zona isolata della villa comunale semi deserta per chiedere soldi.

Al rifiuto sarebbe seguita l’aggressione. I due giovani hanno dovuto anche far ricorso alla guardia medica per le ecchimosi riportate soprattutto alle braccia mentre si divincolavano dalla stretta degli immigrati, che potrebbero già essere individuati nelle prossime ore. Non è la prima volta in queste ultime settimane che si registrano episodi di violenza all’interno e all’esterno della struttura di accoglienza, alimentando l’allarme sociale più volte lamentato anche dal sindaco della cittadina marinara Luigi Ammatuna.