Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 884
POZZALLO - 04/10/2013
Cronache - Stillicidio continuo di migranti

Altri 2 sbarchi in poche ore a Pozzallo

Intanto interviene il Vescovo Staglianò Foto Corrierediragusa.it

Mentre il mondo si interroga sulle stragi di Lampedusa e Sampieri, la città di Pozzallo accoglie altri migranti siriani. Nella notte, così come di giorno. Due gli sbarchi in poche ore. Uno alle ore 3, orario notturno. Ottanta persone provenienti da Lampedusa (alcuni sono facenti parte della tragica vicenda del barcone affondato) sono giunti nella città rivierasca nel cuore della notte. Giunti a Porto Empedocle e successivamente trasferiti in provincia di Ragusa. Negli occhi ancora il dramma della tragedia vissuta in prima persona. Qualcuno ha chiesto da mangiare, gli altri, affaticati, hanno chiesto di andare a dormire.

Diverso l´altro sbarco che si è verificato all´una circa. Un barcone a largo delle coste iblee è stato intercettato da una motovedetta della Capitaneria di porto. Sono 61 i migranti siriani che sono giunti sulla terraferma, grazie anche all´ausilio di un rimorchiatore. Sia per lo sbarco notturno, sia per quello delle ore 13, c´è da registrare che sono interi nuclei familiari a giungere nel sud-est siciliano. Uomini con al seguito mogli e figli. I migranti giunti un´ora dopo mezzogiorno stanno tutti bene. Non hanno intenzione di fermarsi, come ci riferiscono alcuni volontari della Protezione Civile. Così come sabato scorso si era assistito ad un esodo di massa di circa 100 persone, non è escluso che i siriani giunti ieri a Pozzallo possano scegliere di abbandonare il centro di prima accoglienza per continuare il loro percorso.

Il dato, estremamente parziale visti continui abbandoni, dovrebbe aggirarsi attorno alle 230 unità, ospiti del centro di prima accoglienza. A questo dato bisogna aggiungere che una sessantina di migranti saranno trasferiti in giornata presso altre sedi.

E a proposito di sedi dove ospitare i migranti, anche il vescovo di Noto, Mons. Antonio Staglianò è favorevole, così come il Santo Padre, ad aprire i luoghi di culto ai migranti. Aprire i conventi chiusi alla solidarietà per farsi "esploratori della misericordia", "predicatori itineranti". E´ l´appello lanciato dal vescovo di Noto che, a conclusione del convegno pastorale diocesano, ha esortato a creare "comunità di parrocchie realmente missionarie – ha detto - capaci di esprimersi sulla scena della storia come porte aperte agli ultimi e alla solidarietà e a mettersi in ascolto obbediente agli appelli di Papa Francesco". E, dunque, il vescovo ribadisce le parole del Papa "apriamo i conventi chiusi alla solidarieta´" a cominciare dal seminario diocesano.

Infine, il sindaco di Pozzallo, Luigi Ammatuna, torna a farsi sentire. Il primo cittadino ha ribadito che mancherebbero pochi giorni all´ottenimento della somma del 2011 riguardo gli sbarchi, così come promesso dal Prefetto di Ragusa in un riunione di parecchie settimane addietro. Il comune di Pozzallo deve ancora introitare qualcosa come 700 mila euro circa per cibo ed indumenti forniti ai quasi 2 mila e 500 migranti giunti solo nel 2013. Una cifra che permetterebbe di salvare dal fallimento alcune ditte fornitrici di derrate alimentari e abbigliamento, le stesse che non vedono un centesimo da tempo immemore.