Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:04 - Lettori online 1512
POZZALLO - 30/07/2013
Cronache - Presa di mira da un rapinatore solitario la filiale di viale Europa

Bottino di appena 600 euro per la rapina alla "Banca Intesa"

Al vaglio dei carabinieri le immagini riprese dalle telecamere del sistema di sorveglianza a circuito chiuso

E’ di appena 600 euro il modesto bottino che un rapinatore solitario si è portato via ieri pomeriggio dalla filiale di viale Europa a Pozzallo della «Banca Intesa». Il malvivente è penetrato nell’istituto di credito all’orario di chiusura, poco prima delle 17, dalla finestra laterale dei locali che da in una traversa del viale principale, dopo averla forzata con un palanchino, eludendo il sistema d’allarme. Grande lo stupore e la paura dei tre impiegati presenti, che avevano appena ultimato le operazioni di contabilità, quando si sono visti puntare contro una pistola. Da accertare a questo proposito se l’arma fosse vera oppure un giocattolo privo del tappo rosso di sicurezza e modificato in una scacciacani. Ad ogni modo gli impiegati non hanno comprensibilmente opposto resistenza, consegnando subito al rapinatore solitario il contante disponibile nelle casse, per l’appunto appena 600 euro. Il malvivente si è quindi dileguato dalla stessa finestra da cui era entrato.

I dipendenti hanno subito chiamato il 112, ma nonostante il tempestivo intervento dei militari, le ricerche non hanno finora dato alcun esito. Al vaglio dei carabinieri le immagini riprese dalle telecamere del sistema di sorveglianza a circuito chiuso, che non potranno essere di grande aiuto dal momento che il rapinatore, alto circa un metro e 70 e abbastanza snello, aveva il volto coperto da un cappellino e da un foulard. Stando alle testimonianze degli impiegati, pare che dalle poche parole pronunciate dal malvivente l’accento fosse del posto.