Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:15 - Lettori online 1033
POZZALLO - 15/07/2013
Cronache - E’ successo nella notte in centro storico: roba da barzelletta

Come banda Bassotti: ladri rubano 2 auto e si tamponano!

Quando la realtà diventa talmente grottesca da superare la fantasia

Due ladri rubano altrettante auto e danno luogo ad un incidente, scontrandosi involontariamente e attirando loro malgrado l’attenzione di una pattuglia della Polstrada che, accorrendo per prestare soccorso ai feriti, si vede invece saltare fuori dalle vetture incidentate la coppia di malviventi che se la da a gambe. Più maldestri della banda Bassotti i due ladri, quasi certamente complici, che nel cuore della notte avevano rubato un fuoristrada «Mitsubischi Pajero» e una «Alfa Romeo 147» parcheggiate in due zone vicine nel centro storico di Pozzallo. Forse i due si erano poi dati appuntamento con il telefonino in via dei Vespri Siciliani, ma, dimostrando di non essere propriamente dei novelli Shumacher alla guida, si sono resi protagonisti di un rumoroso tamponamento che ha rotto il silenzio notturno. Gli agenti, impegnati in un posto di controllo poco lontano dall’incidente, sono subito saliti in auto per controllare, pensando al peggio. Grande lo stupore dei poliziotti quando i due conducenti sono zompati via al loro arrivo.

I cruscotti forzati con i fili dell’accensione delle due auto penzolanti hanno schiarito le idee agli agenti, i cui sospetti sul doppio furto sono stati poco dopo confermati dal controllo delle targhe al terminale. I proprietari delle due vetture non si erano ancora neanche accorti che erano state rubate, e mai potevano immaginare che le rispettive auto sarebbero rimaste coinvolte in un incidente provocato dagli stessi ladri, che sono riusciti comunque a farla franca, almeno per il momento. Quando la realtà diventa talmente grottesca da superare la fantasia.