Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 692
POZZALLO - 03/07/2013
Cronache - Il giovane pozzallese si è spento al "Cannizzaro" di Catania

E´ morto Alberto Abbate, vittima di un incidente oscuro

Da una settimana il giovane lottava con la morte sul fondo di un letto d’ospedale
Foto CorrierediRagusa.it

Il pozzallese Alberto Abbate (foto) è morto, ieri mattina, presso l´ospedale «Cannizzaro» di Catania, dopo una settimana in bilico fra la vita e la morte. La conferma giunge dalle forze dell´Ordine e dallo zio Orazio Buscema, fino all´ultimo al capezzale del giovane presso il nosocomio etneo. Alberto, 17 anni, è stato vittima di un tragico incidente sulla strada provinciale Marina Marza-Pachino. Le forze dell´Ordine stanno ancora indagando sulla dinamica dell´incidente, visto che lo stesso presenta molti lati oscuri al vaglio delle forze dell´Ordine. Neanche l´appello dello zio, la scorsa settimana, affinchè qualcuno si facesse avanti e desse qualche informazione su quanto accaduto, ha dato gli effetti sperati. Rimangono aperte le diverse piste, fra cui quella che qualcuno l´abbia investito o poi sia fuggito. Già nella giornata di lunedì, il personale medico del «Cannizzaro» non aveva fornito molte speranze sulla possibilità che Alberto potesse giungere al nuovo giorno e solo nella mattinata di ieri si è deciso di porre fine alla giovane vita, con l´espianto degli organi autorizzato dai parenti.

Alberto giungerà in città, verosimilmente, nella giornata di oggi, mercoledì 3 luglio. Ad aspettarlo, i tanti amici che, nel corso di questi giorni, hanno postato frasi di incoraggiamento nei confronti del ragazzo sul profilo Facebook di Alberto. I tanti amici che hanno pregato, organizzando alcune veglie di preghiera, affinchè Alberto potesse aprire gli occhi e tornare a gioire della spensieratezza tipica di un ragazzo di 17 anni. "Non ci vogliamo credere – fra i commenti di alcuni amici di Alberto – Resterà per sempre nei nostri cuori. Era un tipo «giusto» ma anche molto sensibile. Non doveva fare questa fine. Mancherà moltissimo a tutti i ragazzi pozzallesi che gli volevano bene e lo stimavano". Alberto, una grande passione per le due ruote, era molto conosciuto fra i suoi coetanei. Gli stessi che, adesso, lo rimpiangono e che lo aspettano per l´ultimo saluto, in chiesa.