Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 622
POZZALLO - 22/06/2013
Cronache - Il minorenne è ricoverato in condizioni disperate al "Cannizzaro" di Catania

Incidente in moto: grave il 17enne Alberto Abbate

É successo tutto nel pomeriggio di mercoledì scorso, sulla strada provinciale a confine col territorio di Ispica, già teatro in passato di giovani vite spezzate

Un incidente con la propria moto, l´impatto con la strada, l´arrivo dell´ambulanza, il trasporto in elicottero al «Cannizzaro» di Catania. La vita del giovane diciassettenne pozzallese Alberto Abbate è appesa ad un filo. É successo tutto nel pomeriggio di mercoledì scorso, sulla strada provinciale a confine col territorio di Ispica, già teatro in passato di giovani vite spezzate. Il ragazzo, con la propria moto, doveva raggiungere la Marza.

Pochi i particolari emersi, tutti al vaglio dei carabinieri della Compagnia di Modica. Nessuno ha visto o sentito nulla. Eppure, alle ore 18, quella strada è assai trafficata. "Non riusciamo a capire – dichiara lo zio del ragazzo Orazio Buscema – come da una impennata, il ragazzo adesso si trovi in una stanza d´ospedale, a Catania, a lottare fra la vita e la morte. Non sappiamo nulla di quanto è successo. Siamo andati dai Carabinieri ma non sappiamo, ad onor del vero, la dinamica dell´incidente, né i Carabinieri sanno più di noi. L´appello che lancio è il seguente: se qualcuno conosce la vera dinamica dell´incidente, si faccia vivo con i parenti del ragazzo o con le forze dell´Ordine. Se qualcuno l´ha investito e poi sia fuggito via? Questa è una delle tante ipotesi al vaglio dei Carabinieri". Fra le ipotesi che i Carabinieri non scartano, anche l´asfalto pieno di buche nelle vicinanze del tratto stradale dove è successo l´incidente. E´ troppo presto, comunque, per dare un giudizio definitivo, da quanto riferito dalle forze dell´Ordine.

Il ragazzo ha riportato diversi traumi interni e si trova sotto osservazione del personale medico del «Cannizzaro» di Catania, con la prognosi riservata. Sul profilo Facebook del giovane, tanti i messaggi di amici e conoscenti. "Vai campione – scrivono gli amici sulla pagina Facebook di Alberto - rialzati più forte di prima, sono tutti con te! L´aiuto che ti stanno dando i tuoi amici è immenso! Spero di cuore che saprai superarlo. Sono brutte esperienze della vita e, purtroppo, quando devono capitare, capitano e non puoi farci nulla. Adesso riprenditi presto e dimostra a tutti i tuoi amici che quello che stanno facendo è servito a qualcosa". Per l´occasione, sono state organizzate due veglie di preghiera presso la parrocchia di SS. Maria di Portosalvo.