Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 902
POZZALLO - 22/05/2013
Cronache - Sono un pozzallese e la sua compagna cubana. Hanno chiesto soldi per sgombrare

Occupano casa e non vogliono andarsene. Denunciati

La Guardia di Finanza li ritiene respnsabili di truffa in concorso aggravata e continuata e tentata estorsione

Hanno occupato abusivamente un´abitazione presa precedentemente in affitto e non avevano alcuna voglia di abbandonare il domicilio, minacciando, altresì, il proprietario e chiedendo una cospicua somma di denaro per andarsene.

A seguito di ciò, due persone (una donna di nazionalità cubana A.F.M., di 40 anni, e un uomo pozzallese, C.P., di 48 anni, compagno della donna e titolari di una agenzia di consulenza) sono state denunciate dalla Guardia di Finanza per truffa in concorso aggravata e continuata ed tentata estorsione. Nonostante i reiterati appelli ad abbandonare l´abitazione, il proprietario dell´immobile si è visto recapitare pure una richiesta di 15 mila euro per ritornare in possesso delle chiavi dell´immobile. Per far valere le proprie ragioni, inoltre, la coppia aveva provveduto a denunciare presso l’Agenzia delle Entrate un falso contratto di affitto, oltre che volturare il contatore dell’energia elettrica intestandolo, tra l’altro, ad un terzo soggetto ignaro.

A seguito dell´attività investigativa, poi, i finanzieri hanno scoperto che la donna, nel tentativo di ottenere il permesso di soggiorno, aveva contratto un rapporto di lavoro subordinato, successivamente risultato falso, proprio presso la citata società di consulenza del compagno presentando un reddito attestato da un falso Cud. La coppia, secondo quanto riferito dalla Guardia di Finanza, aveva fatto richiesta per l´indennità di disoccupazione, presentando documentazione attestante il falso rapporto di lavoro subordinato e riscuotendo indebitamente somme che non erano dovute. La coppia è stata denunciata anche per calunnia e falsità ideologica.