Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 983
POZZALLO - 09/05/2013
Cronache - Emanuele Distefano, 32 anni, e il fratello Saverio, di 33, dovranno comparire dal gup

Fratelli col metadone: doppia richiesta di rinvio a giudizio

Udienza preliminare fissata al prossimo 13 giugno

Richiesta di rinvio a giudizio della procura e udienza preliminare fissata al prossimo 13 giugno dinanzi al gup Maria Rabini per i due fratelli pozzallesi arrestati per spaccio di droga dai carabinieri lo scorso gennaio. Si tratta di Emanuele Distefano, 32 anni, e del fratello Saverio, di 33. I due, che si trovano ancora ai domiciliari, avevano fatto scena muta dinanzi al magistrato nell’ambito dell’interrogatorio di garanzia. Stando a quanto a suo tempo accertato dai militari dell’arma, Emanuele Distefano ritirava il metadone al Sert di Modica, dove si recava per la disintossicazione dalla droga, e lo rivendeva in maniera illecita ad alcuni tossicodipendenti con la complicità del fratello.

Pare che i due incontrassero gli assuntori per le vie di Pozzallo, fornendo loro i flaconi prelevati dal Sert di Modica. E proprio lo scambio metadone – denaro con una tossicodipendente pozzallese aveva fatto scattare le manette ai polsi dei due fratelli, colti quindi in flagranza di reato. Le mosse dei Distefano erano tenute sotto controllo già da qualche tempo dai militari dell’arma della frazione rivierasca, che già nutrivano sospetti in particolare sul conto del fratello maggiore.