Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 803
POZZALLO - 12/04/2013
Cronache - Altre reti abusive sequestrate

Pesca abusiva nel mirino della Capitaneria di Porto

Questi interventi sono il frutto del costante monitoraggio condotto dagli uomini diretti dal comandante Andrea Tassara

Altre reti abusive sequestrate. Dopo il sequestro di qualche giorno addietro, i militari della Capitaneria di porto hanno «pescato» altre reti poste lungo il litorale ibleo. Il senso dei controlli, effettuati in questi giorni dal personale della Guardia Costiera, è mirato alla sicurezza della navigazione di tutte le navi in transito e a tutela delle operazioni di ormeggio e disormeggio dalle banchine. Qualora saranno individuati i trasgressori, la sanzione prevista varia dalle 3 alle 6 mila euro.

Questi interventi sono il frutto del costante monitoraggio condotto dagli uomini diretti dal comandante Andrea Tassara che operano anche per la salvaguardia dell´ecosistema marino, che sovente viene aggredito da molti pescatori abusivi, sempre pronti a violare le regole. Tutti i reparti navali sono impegnati in un´incisiva azione di controllo per la tutela dell´ambiente e delle risorse ittiche contro la pesca illegale a strascico praticata soprattutto di notte. "Nell’occasione – è scritto in un comunicato diffuso dalla Capitaneria di porto - l’ulteriore intervento di sequestro effettuato, ha consentito, in primis, di tutelare l’attività di pesca svolta in maniera corretta e regolare per il collegato corresponsabile sfruttamento delle risorse ittiche e, contestualmente, assicurare una maggiore funzionalità, operatività e sicurezza della navigazione del porto di Pozzallo, già recentemente incrementata a seguito della definitiva partenza della motonave «Fortuna II», trasferita a rimorchio ad Augusta per essere demolita presso un Cantiere navale locale".