Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:21 - Lettori online 1433
POZZALLO - 07/04/2013
Cronache - Attività di controllo già avviata dai militari della Guardia Costiera

Pesca abusiva: sequestrati 700 metri di reti calati in mare

In corso sono le indagini dei militari della Capitaneria di porto con l’unico scopo di sanzionare i trasgressori

Prosegue l’attività di controllo già avviata dai militari della Guardia Costiera al fine di prevenire ed arginare il fenomeno della pesca abusiva. L´intervento dei militari ha visto porre sotto sequestro oltre 700 metri di reti abusivamente calate in ambito portuale, potenzialmente pericolose sia per la sicurezza della navigazione di tutte le navi in transito che per le operazioni di ormeggio e disormeggio dalle banchine. In corso sono le indagini dei militari della Capitaneria di porto con l´unico scopo di sanzionare i trasgressori. Per tutti, la sanzione può variare dalle 3 alle 6 mila euro, a seconda che si tratti di pescatori sportivi o professionisti. L´attività ha impegnato i militari per ben 4 ore.

"L’attività descritta – è scritto in un comunicato diffuso dai militari della Capitaneria di porto - si inserisce nell’ambito di una mirata e specifica campagna di prevenzione, controllo e, ove occorra, repressione, condotta sull’intera «filiera ittica», dai militari della Capitaneria di porto di Pozzallo, a terra, con pattuglie automontate ed a mare, dagli equipaggi imbarcati sulle motovedette e battelli pneumatici, che verrà ulteriormente intensificata nei prossimi giorni per scongiurare la pesca abusiva, la cattura di specie sottomisura, l’uso di attrezzi da pesca non conformi alle normative nazionali e comunitarie vigenti nonché l’attività di pesca effettuata in zone e/o tempi vietati".

Gli interventi sono il frutto del costante monitoraggio condotto dai militari della Capitaneria di porto che operano di giorno e di notte anche per la salvaguardia dell’ecosistema marino,che sovente viene aggredito da molti pescatori abusivi, sempre pronti a violare le regole.