Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 772
POZZALLO - 04/01/2013
Cronache - Manette per i pozzallesi Emanuele e Saverio Distefano, di 32 e 33 anni

"Rivendita"di metadone a Pozzallo: arrestati 2 fratelli

Una sorta di «canale» sempre aperto e organizzato, gestito come un Sert clandestino

Ritirava il metadone al Sert di Modica, che doveva servire per la sua disintossicazione, e lo rivendeva ad alcuni tossicodipendenti. Ai domiciliari per spaccio di sostanze stupefacenti è finito Emanuele Distefano, di 32 anni, assieme al fratello Saverio, di anni 33. Una sorta di «canale» sempre aperto e organizzato, gestito come un Sert clandestino, alla base delle indagini dei carabinieri della Stazione di Pozzallo, Già lo scorso aprile, uno dei due fratelli finì nel mirino delle Forze dell´Ordine per gli stessi motivi. In quella circostanza, Emanuele Distefano venne tradotto in carcere a Modica Alta. Una volta uscito, però, l´attività di «vendita» dei flaconi non era cessata.

I due, secondo quanto riferito dalle Forze dell´Ordine, si aggiravano per le vie della cittadina rivierasca, fornendo i flaconi prelevati al Sert di Modica. E proprio lo scambio con una ignara acquirente ha fatto scattare le manette ai polsi per i due fratelli, dopo una prolungata attività investigativa condotta dai militari in ordine ad una fiorente attività di spaccio di metadone gestita, nei primi mesi dell’anno scorso, dai due Distefano.

La procura ha richiesto al Tribunale l´arresto dei due fratelli, che è stato eseguito ieri mattina dai carabinieri della stazione di Pozzallo. L´accusa è di spaccio di sostanze stupefacenti. Una volta sottoposti alle operazioni di fotosegnalamento presso i locali della Compagnia Carabinieri di Modica, i due fratelli sono stati accompagnati presso la loro abitazione ove ora dovranno permanere in regime di arresti domiciliari.