Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 890
POZZALLO - 22/08/2012
Cronache - Tre conti correnti bloccati in altrettanti istituti di credito della città rivierasca

Mezzo milione di beni sequestrato a presunto usuraio

Un capitale immobiliare accumulato, secondo gli inquirenti, grazie un presunto giro d’usura che i carabinieri della Stazione di Pozzallo hanno scovato dopo quasi un anno di indagini approfondite

Usura e beni sequestrati per un valore di 500mila euro. Un capitale immobiliare accumulato, secondo gli inquirenti, grazie un presunto giro d´usura che i carabinieri della Stazione di Pozzallo hanno scovato dopo quasi un anno di indagini approfondite. A finire nei guai, un uomo pozzallese di 80 anni, G.T., pensionato. Il sequestro preventivo è stato emesso dal Tribunale di Modica su richiesta della locale Procura sottoponendo a sequestro beni mobili ed immobili che, nel corso delle indagini, sono risultati essere di proprietà dell´ottantenne.

In particolare, sono stati sequestrati un´autovettura di media cilindrata, un appartamento situato a Dairago (in provincia di Milano) e composto da 10 vani con garage di 30 metri quadri; un immobile situato a Pozzallo e composto da un appartamento di 10 vani, da un locale commerciale di 123 metri quadri e da un garage di 20 metri quadri. Inoltre, un appartamento situato a Pozzallo e composto da 6 vani, un terreno situato a Pozzallo di 300 metri quadri circa ed, infine, un terreno situato a Pozzallo di 1000 metri quadri circa.

Nella lista che i carabinieri hanno portato sui tavoli del procuratore di Modica, compaiono anche tre conti correnti bloccati in altrettanti istituti di credito della città rivierasca.

Valore stimato dei beni sequestrati dalle forze dell´ordine in 500 mila euro.Le indagini sono giunte al termine dopo una fitta attività investigativa che le forze dell´ordine hanno iniziato lo scorso anno.

Pozzallo non è nuova ad episodi simili. L´anno scorso, due uomini e il direttore pro tempore di una filiale pozzallese della banca Agricola Popolare di Ragusa (tutti e tre originari della città di Pozzallo) finirono nel mirino degli stessi Carabinieri della Stazione della città marittima per un presunto giro di usura.