Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 999
POZZALLO - 07/06/2012
Cronache - Si tratta del quinto parcometro distrutto in poche settimane

Come ti distruggo il parcometro, vandali scatenati a Pozzallo

Presentata una denuncia alla Stazione dei Carabinieri contro ignoti
Foto CorrierediRagusa.it

I vandali tornano a colpire. Nel cuore della notte, un altro parcometro è stato distrutto e sdradicato dalla base in cemento (foto). E´ il quinto parcometro preso di mira dai vandali dal mese di arrivo (settembre 2010) quando la ditta di Siracusa, la «City System», vinse l´appalto per ubicare le macchinette che erogano il biglietto per le «strisce blu».

Il parcometro preso di mira era ubicato di fronte a palazzo La Pira. Sono stati i vigili urbani, durante il quotidiano giro di perlustrazione mattutino, ad accorgersi dell´atto delinquenziale. Nonostante il forte rumore provocato dall´abbattimento del totem, alle forze dell´ordine non è giunta nessuna segnalazione o denuncia da parte dei cittadini. Atti incivili, probabilmente di protesta, che finiscono per recare disagi ai turisti che, una volta posteggiata l´auto in uno degli stalli blu del promontorio, iniziano a girovagare per le strade in cerca di un parcometro funzionante.

E´ il quinto parcometro (in ordine, via Orione, lungomare Pietrenere, piazza delle Rimembranze e quello di corso Vittorio Veneto, fatto saltare durante lo scorso periodo di Natale con un candelotto) che «salta in aria» per colpa di qualche incivile. Il danno ingente per la ditta di Siracusa, ottomila euro a parcometro, equivale ad un danno di trentamila euro in totale. E i responsabili della ditta di Siracusa avrebbero già riferito ai dirigenti comunali di palazzo La Pira di non aver alcuna volontà di esercitare l´opzione di proroga prevista dal bando. E´ stata, infine, presentata una denuncia alla Stazione dei Carabinieri contro ignoti dai parte dei responsabili della ditta aretusea. L´ennesima.