Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:17 - Lettori online 1209
POZZALLO - 05/06/2012
Cronache - L’accusa è di omicidio colposo

Morte di una ragazza, chiesto rinvio a giudizio per medico

Stando alle indagini, il medico si limitò a praticare una puntura di antidolorifico alla giovane

Il rinvio a giudizio di un medico per omicidio colposo è stato chiesto al gup del tribunale di Modica dal procuratore Francesco Puleio, dopo le indagini dirette dal sostituto procuratore Gaetano Scollo. Si tratta di C.S. , 50 anni, nato a Modica ma residente a Gela. Secondo l’accusa, quale dirigente medico di turno all’ambulatorio del presidio territoriale di emergenza di Pozzallo, per negligenza, imprudenza, imperizia e per colpa professionale, il professionista non diagnosticò correttamente la patologia della quale soffriva una ragazza, che si era presentata nel presidio medico in preda a forti spasmi, accompagnata dalla madre.

Stando alle indagini, il medico si limitò a praticare una puntura di antidolorifico, dicendo alla signora di recarsi in ospedale con la figlia, nel caso i dolori lancinanti all’addome si fossero ripresentanti. La superficiale diagnosi effettuata dal medico avrebbe, secondo l’accusa, provocato il successivo decesso della sfortunata ragazza per arresto cardiaco. I fatti, denunciati alla procura dalla sconvolta madre della vittima, si verificarono a Pozzallo lo scorso agosto.