Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 506
POZZALLO - 24/05/2012
Cronache - Associazione sportiva dilettantistica denunciata per evasione

Pozzallo, 130 mila euro evasi senza fini di lucro!

Organizzavano eventi per divertimento con un giro di evasione quantificata in 55 mila euro di ricavi non dichiarati e 75 mila di corrispettivi non registrati
Foto CorrierediRagusa.it

Ballando ballando l’evasione fiscale diventa un puro divertimento! Soprattutto sotto la copertura dell’associazione dilettantistica e senza fini di lucro, per le quali il sistema fiscale prevede condizioni agevolate. La Guardia di finanza, invece, ha scoperto che un’associazione sportiva di Pozzallo, dedita all’organizzazione di eventi, fra cui anche serate da ballo, era riuscita a sottrarre al fisco ben 130mila euro.

Con quale marchingegno? «Sebbene si presentasse come associazione sportiva dilettantistica- spiegano gli inquirenti della «fiamme gialle»- i «soci» non pagavano la classica quota associativa, risultante dalla suddivisione delle spese sostenute, ma una vera e propria retta mensile, tra l’altro variabile a seconda dei corsi cui si risultava iscritti, qualificandosi come veri e propri clienti. Non solo, l’associazione organizzava numerosi eventi danzanti e altre feste, il tutto senza tener conto delle prescrizioni fiscali previste in occasione di tali manifestazioni». Un’associazione dilettantistica senza fine di lucro, in realtà vi era una florida attività imprenditoriale.

L’esito dell’attività di controllo, si sintetizza in 55.000 euro di ricavi non dichiarati e quasi 75.000 euro di corrispettivi non registrati. I responsabili di tale attività illecita sono stati denunciati per il reato di evasione. La Guardia di Finanza proseguirà i controlli in materia per evidenziare nelle associazioni la eventuale mancanza del requisito dello scopo di lucro, per garantire e tutelare la sana e corretta concorrenza tra le imprese.