Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 1011
POZZALLO - 23/04/2012
Cronache - É successo domenica mattina al porto

Sul catamarano con 46mila euro in tasca: scoperto

Un uomo di 30 anni, originario della Calabria, stava cercando di salire sul catamarano con addosso il contante, ma è stato scoperto dalle Fiamme gialle

Un uomo ha tentato di salire a bordo del catamarano per Malta, portando con sé un ammontare di 46 mila euro ma è stato fermato dalle Fiamme Gialle della Tenenza di Pozzallo. É successo domenica mattina, al porto, quando un uomo di 30 anni, originario della Calabria, stava cercando di salire sul catamarano con addosso il contante ma, non avendo dichiarato la somma ai finanzieri (i 36 mila euro eccedenti erano da dichiarare obbligatoriamente alla Agenzie delle Dogane), è stato fermato prima che lo stesso mettesse piede sul vettore. Difatti, nel caso in cui non sia stata presentata la dichiarazione e sia riscontrato dalla Guardia di finanza o dalla Polizia doganale un trasporto di denaro contante pari a o superiore a ai 10 mila euro, scatta il sequestro nel limite del 40% dell’importo superiore i 10 mila euro.

L´uomo ha prima negato che quella somma fosse la sua, poi, messo alle strette, ha riferito che i soldi erano di sua proprietà.

Per l´uomo è in arrivo una sanzione che può raggiungere anche 14 mila e 400 euro, ovvero il 40% della somma eccendente i 10 mila euro, posta sotto sequestro.

< Le attività proseguiranno - dichiarano le Fiamme Gialle - verso l’esatta identificazione dell’origine di tali ingenti somme di denaro, atteso che spesso l’utilizzo di denaro contante, soprattutto se per importi elevati, come in questo caso, sottende pericolosi profili di riciclaggio di denaro proveniente da attività illecite o una distrazione di fondi «neri» di qualche esercizio commerciale >.