Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 692
POZZALLO - 20/03/2012
Cronache - Giro di vite da parte dei militari della Capitaneria di porto

Pesca sportiva in zone vietate del porto di Pozzallo

I pescatori abusivi sono stati sanzionati per l’attività di pesca esercitata senza preventiva autorizzazione

Pesca sportiva in zone vietate del porto. Giro di vite da parte dei militari della Capitaneria di porto per alcuni pescatori che, noncuranti dei divieti di pesca in prossimità di alcune zone vietate e molto pericolose perchè interessate dal quotidiano transito di navi mercantili, pescherecci ed unità da diporto, sono stati colti in flagranza. I pescatori abusivi sono stati sanzionati per l’attività di pesca esercitata senza preventiva autorizzazione del comandante del porto. Sotto sequestro, tutta l´attrezzatura usata per pescare, fra cui lenze con ami, canne con mulinello ed alcuni «coppi», grossi retini utilizzati per la pesca. Sequestrato anche il pescato per oltre quindici chili di diverse specie ittiche.

La Capitaneria di Porto di Pozzallo, nel continuare a mantenere alta l’attenzione sul fenomeno della pesca illegale con un attività di polizia finalizzata prevalentemente al contrasto della pesca abusiva all´interno del porto, raccomanda di evitare l’esercizio di qualsiasi tipo di attività di pesca nelle acque portuali che, oltre a violare l’attuale normativa, mette in pericolo la propria incolumità in una zona di mare altamente operativa per la continua presenza di unità mercantili e militari, nonché di mezzi portuali in movimento.

I servizi di contrasto e prevenzione alla pesca illegale continueranno senza sosta non solo al fine di cercare di debellare un fenomeno sempre più diffuso, tra l’altro con attrezzi del tutto illegali, in danno alla specie ittica con gravi rischi per la specie ittica ancora allo stato giovanile e quindi alla sopravvivenza di specie ittiche protette, ma soprattutto perchè limitano fortemente chi effettua la pesca rispettando la legge e per professione.