Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 23 Giugno 2018 - Aggiornato alle 0:20
POZZALLO - 21/02/2012
Cronache - La giovane ha presentato una denuncia alla Polizia Postale

Ragazza 24enne di Pozzallo "violata" via internet

Un cialtrone esperto in materia informatica è riuscito ad impossessarsi della password e dell’account della giovane ragazza pozzallese

Una ragazza di 24 anni di Pozzallo, A.S., ha presentato una denuncia alla Polizia Postale per i reati di sostituzione di persona, ingiurie, diffamazione, detenzione abusiva di codici di accesso a sistemi informatici, intercettazione ed impedimento di comunicazioni informatiche e telematiche. Le indagini sono state avviate dopo la presentazione di una denuncia presentata dalla ragazza, riconducibile ad un´unica vicenda.

Un cialtrone esperto in materia informatica è riuscito ad impossessarsi della password e dell’account della giovane ragazza pozzallese (sia della posta elettronica che del social network di Facebook) ed ha avuto la possibilità, conferitagli illegalmente da questo illecito impossessamento, di lanciare una serie di messaggi, alcuni di questi dal contenuto largamente improprio e diffamatorio a persone conosciute dalla giovane vittima. Un certo numero di persone, difatti, hanno ricevuto diversi messaggi, alcuni anche a sfondo sessuale, e hanno contattato la giovane ragazza nella certezza che i messaggi in questione non potessero pervenire dalla stessa.

"Un fatto disdicevole – ha raccontato la ragazza – perchè mai avrei pensato di essere vittima di un hacker. Data la gravità del reato, spero sia facile prevedere una severa condanna e un consistente risarcimento dei danni morali e materiali per questo impostore. Non mi connetto, ad oggi, perchè non ho un profilo sul social network ma è chiaro che il mio cognome è stato danneggiato da un cialtrone. Che pagherà caro quando sarà scovato e lo porterò in tribunale".

La denuncia è stata inoltrata, da parte delle forze dell´ordine, ai rispettivi uffici del server di posta elettronica e a Palo Alto, in California, sede del social network, Facebook. Gli agenti della Polizia Postale hanno assicurato tempi celeri per l´individuazione dell´hacker.