Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:26 - Lettori online 931
POZZALLO - 07/02/2012
Cronache - Azione sinergica portata a compimento in meno di un’ora

Marinaio turco salvato dalla Capitaneria di porto

L’uomo è stato ricoverato all’ospedale di Modica

La Capitaneria di porto soccorre un marittimo infortunatosi a bordo di una nave mercantile, a dieci miglia dalla costa. Nuovo salvataggio dei militari della Capitaneria, impegnati a trasferire sulla terraferma un marittimo di nazionalità turca di 46 anni infortunatosi a bordo, a causa di un incidente occorso allo stesso durante i lavori svolti in sala macchina.

La sala operativa è stata allertata da una richiesta d´aiuto, lanciata via radio sul canale di soccorso «16 vhf» dal comandante della nave. Tempestivo è stato, invece, l´intervento dei militari della Marina, i quali a bordo della motovedetta Sar Cp 888, assieme al medico Vincenzo Morello, sono giunti a dieci miglia dalla costa ove stazionava la nave battente bandiera maltese.

Inoltre, per abbreviare i già ristretti tempi utili per l’intervento, è stato ordinato al comandante della nave di contattare il Centro Internazionale Radio Medico di Roma per ottenere le prime utili informazioni sugli interventi di primo soccorso e le cautele da adottare, in attesa dell’arrivo della motovedetta con il medico di porto a bordo. Nel frattempo, personale medico del 118 era già in attesa di prelevare l´uomo al fine di trasbordarlo al pronto soccorso dell´ospedale «Maggiore» di Modica.

Tutta l´operazione, secondo quanto riferito dai militari della Capitaneria di porto, è stata effettuata in un lasso di tempo esiguo (un´ora circa), nonostante le condizioni meteo-marine avverse. "La positiva conclusione dell’emergenza occorsa – è scritto in una nota diffusa dalla Capitaneria - ha messo in luce la sinergia ed il coordinamento tra i vari enti pubblici interessati nell’evento e, soprattutto, l’efficienza e la tempestività della «catena dei soccorsi» e dei relativi «protocolli di comunicazione», che hanno così consentito al marittimo con una evidente ferita lacero contusa alla testa, di ricevere tutta l’immediata assistenza necessaria per salvaguardare la propria incolumità".