Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 1014
POZZALLO - 29/01/2012
Cronache - Il processo a carico della Commissione Edilizia

Abuso d´ufficio a Pozzallo, 5 rinvii a giudizio

Il Gup ha altresì deciso per 3 «non luogo a procedere»

Cinque rinvii a giudizio e 3 «non luogo a procedere». Così ha deciso il Gup del Tribunale di Modica nel processo a carico della Commissione Edilizia di Pozzallo, nei confronti dei cui componenti era contestato l’abuso d’ufficio. Imputati erano cinque membri l’organismo tecnico, due dipendenti comunali ed un progettista, nei confronti dei quali Procuratore della Repubblica di Modica, Francesco Puleio, aveva chiesto il rinvio a giudizio.

Non luogo a procedere è stato deciso per Giancarlo Renda dell’Ufficio Tecnico Comunale, e per i germani Giuseppe Denaro, componente la Commissione, e Antonio Denaro, in quanto assenti al momento della votazione.

Saranno processati dal Collegio Penale il prossimo 16 maggio tutti gli altri imputati: Giancarlo Drago, Giuseppe Gambuzza(dirigente dell’Ufficio Tecnico), Giuseppe Perez, Lavinia Pitino, Bartolomeo e Maurizio Puzzo. L’inchiesta aveva interessato una concessione edilizia su area comunale destinata a viabilità per la quale il 26 maggio 2008 la Commissione avrebbe espresso parere contrario per la costruzione di fabbricati in Via Saffi giacchè il sito « era destinato a viabilità e quindi doveva essere sottoposto a variante dello strumento urbanistico».

Gambuzza, in particolare, avrebbe rilasciato le concessioni edilizie in maniera non conforme alla legge e alle previsioni urbanistiche del Comune di Pozzallo e, comunque, in assenza di variante allo strumento urbanistico, relativa all’assegnazione della destinazione urbanistica del lotto ubicato tra la Via Kennedy, Via Saffi e Via Sturzo, gravato dal vincolo d’inedificabilità assoluta perché destinato a viabilità.