Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:55 - Lettori online 1459
POZZALLO - 02/12/2011
Cronache - Imputato un marocchino "sporcaccione"

Si calò i calzoni davanti alla vigilessa: maniaco condannato

Per Bhraim Alarsi, 40 anni, clandestino sul territorio italiano, pena di un anno e quattro mesi

E’ stato condannato il marocchino che lo scorso luglio passeggiò sul lungomare Pietrenere abbassando i pantaloncini per mostrare i suoi attributi. L’immigrato lo fece anche davanti ad una vigilessa quando questa, chiamata da alcune persone, lo fermò chiedendogli i documenti. Si rese necessario altresì l’intervento dei carabinieri, che riuscirono a bloccarlo e ad arrestarlo.

Adesso Bhraim Alarsi, 40 anni, clandestino sul territorio italiano, è stato condannato a un anno e quattro mesi di carcere dal giudice Lucia De Bernardin. La pubblica accusa aveva chiesto la condanna a oltre tre anni di reclusione per il marocchino, difeso dall’avvocato Edoardo Cappello e accusato di atti osceni in luogo pubblico, disturbo della quiete pubblica e resistenza a pubblico ufficiale.

L’uomo fu notato da alcune persone che sostavano nel Lungomare nei pressi della statua di Padre Pio, probabilmente in stato di ebbrezza. In primo luogo l’uomo prese ad importunare alcuni anziani, poi rivolse la propria attenzione verso alcune donne che si trovavano con i figli nel parco giochi. Al cospetto di queste si abbassò i pantaloncini. Qualcuno segnalò l’immigrato alla vigilessa in servizio in zona e alla quale l’immigrato, come accennato, riservò lo spettacolo indecente.

Quando l’operatrice di polizia municipale lo intercettò, chiese che l’uomo esibisse i documenti d’identità. Bhraim Alarsi invece decise di esibire i propri genitali abbassando ancora i pantaloncini. Poi intervenne una pattuglia dei carabinieri che cercò di ricondurre nei confini della degenza il marocchino che, però, oppose resistenza. Alla fine i militari riuscirono nel loro intento.