Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 479
POZZALLO - 30/11/2011
Cronache - L’ultimo saluto alla giovane deceduta lunedì in contrada Trippatore - Bruffalori

Pozzallo sconvolta per la morte della 22enne Marica che lascia la figlioletta di circa 2 anni

Commozione nella chiesa e tanti giovani nella chiesa del S.S. Rosario a Pozzallo, dove Marica risiedeva con la famiglia
Foto CorrierediRagusa.it

La città è sconvolta e si trova a piangere l’ennesima giovane vittima degli incidenti stradali. Questa volta a perdere la vita è stata una ragazza di 22 anni, Marica Abdurahman, che lascia la figlia Dafne, avuta due anni fa circa, alle cure delle tre sorelle e dei propri cari.

Chi ha conosciuto Marica la ricorda per la sua onestà, generosità e bontà, sempre pronta e disponibile ad aiutare gli amici. Non ci sono molte altre parole con cui spiegare il dolore dei familiari e delle persone care, che hanno salutato la giovane ragazza che si era appena affacciata alla vita adulta, con tanti sogni in tasca e la certezza della sua famiglia nel presente. Purtroppo, l’incidente di lunedì sera le è stato fatale. Sul fronte indagini, non ci sono ancora sufficienti elementi per stabilire con esattezza la dinamica dell’incidente che ha scaraventato Marica fuori strada, ma poco conta sapere dove sia la ragione o il torto. La ragazza era figlia del titolare di un noto ristorante della città, anche per questo la sua scomparsa ha suscitato grande partecipazione al dolore dei suoi cari.

Ieri, le esequie. A celebrare la funzione religiosa in chiesa Madre, fra gli altri, don Vincenzo Rosana e don Salvo Bella. "Ora che Marica è tra gli angeli – ha detto don Bella durante l´omelia - nella gloria del Signore, dobbiamo essere felici non tristi. Adesso siamo noi che abbiamo bisogno di lei". Prima di tornare al cimitero, la bara posata ai piedi dell’altare, ha continuato ad accogliere le carezze dei parenti e di tutti gli amici, che non riescono a distaccarsi ed a smettere di piangere. Poi un lungo applauso che scioglie i cuori angosciati dei presenti. Straziante l’uscita del feretro dalla chiesa con gli amici del cuore, che hanno fermato il corteo funebre per salutare per l’ultima volta, in un pianto generale, la bara.

Tantissimi i ragazzi presenti. La piccola piazza, antistante la chiesa, è piena di giovani e amici della ragazza e della famiglia. Ragazzi che a fatica trattenevano lacrime e commozione. "Una ragazza d’oro – riferiscono gli amici – Sempre pronta a donarsi per gli altri. Era piena di iniziative, non si fermava mai, infaticabile Marica". Questi i commenti più frequenti degli amici che l’hanno conosciuta. Purtroppo, per l´infaticabile Marica, la vita si è fermata sul cavalcavia di Sampieri.


04/12/2011 | 5.42.50
goose

Mi spiace, non è sufficiente x i genitori di Marica, ma senza dubbio dispiace a tutti per la morte di Marica, noi genitori in particolare, ormai la freqenza di questi incidenti dove perdono la vita i nostri giovani è talmente alta da farci pensare quando sarà il nostro turno. E´ facile non pensarci, ma è così. Approfittiamo di questi eventi per sensibilizzare noi stessi, i nostri figli, le forze dell´ordine assenti affinchè questi incidenti non si ripetano. Pozzallo sta vivendo momenti di tristezza e di paura, come altre cittadine per certo.I giovani vivono senza freno e senza valori una società completamente allo sbaraglio, noi genitori dobbiamo fare qualcosa, non possiamo aspettare il nostro turno. Spero venga fatta luce sulle dinamiche e sulle cause dell´incidente della cara Marica, affinchè questo possa essere di utilità a chi rimane. Non permettiamo che il ruolo di genitore finisca qui, nella rassegnazione. Facciamo qualcosa per i nostri figli.


30/11/2011 | 9.22.22
Giusi

Notate bene: la ragazza a dispetto del cognome é italiana.
E´ importante questa sottolineatura. Sì, proprio importante. Mah!