Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 956
POZZALLO - 05/10/2011
Cronache - Le fiamme si sono svilupate all’alba mentre madre e figlio dormivano

Incendio distrugge casa rurale in contrada Pantanelli

I vigili del Fuoco hanno lavorato per un’ora e mezza per avere ragione delle fiamme. Danni ingenti

Incendio all’alba. Un violento incendio ha distrutto, ieri mattina intorno alle ore 6, un’abitazione rurale in contrada Pantanelli, a pochi chilometri dal centro abitato, di proprietà di una donna di 65 anni ed abitata anche dal figlio di 31 anni, con precedenti penali a suo carico. Sul posto, sono intervenuti i vigili del fuoco del distaccamento di Modica, i quali, in 90 minuti circa, hanno spento le lingue di fuoco.

In casa, i due inquilini hanno tentato invano di spegnere le fiamme. Nel volgere di pochi minuti, il fuoco ha interessato la stanza antistante il bagno e l’acre fumo ha reso l’aria irrespirabile. Quando la situazione stava degenerando, sono stati allertati i Carabinieri giunti sul posto. Tragedia evitata per i due inquilini, quindi, grazie al tempestivo intervento dei vigili del fuoco e dei Carabinieri, ma abitazione parzialmente distrutta, con grande rammarico da parte dei due residenti. Ingenti i danni.

Una finestra rotta, questo l’indizio principale da dove sono partite le indagini delle forze dell’ordine. Si sospetta che, una volta infranto l’infisso, gli ignoti si siano introdotti all’interno dell’abitazione per poi accendere il rogo.

Saranno i carabinieri della stazione di Pozzallo a tentare di far luce sulla vicenda. Madre e figlio hanno detto agli investigatori di non aver subito in passato minacce di qualche genere.

La scorsa settimana, la Ford Ghia di un pescatore in pensione è stata bruciata in via XXVI Maggio.