Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 643
POZZALLO - 02/08/2011
Cronache - Fuoco in via Rodolfo Cristina

Pozzallo si sveglia in fiamme, bruciano 3 auto e uno scooter

I pompieri hanno domato le lingue di fuoco «svuotando» l’unica autobotte che era giunta in città

Tre automobili, uno scooter e il citofono di un’abitazione. Non ha risparmiato nulla l’incendio che si è sviluppato alle prime luci dell’alba, in via Rodolfo Cristina, una via adiacente alla trafficata via Torino. Secondo quanto riferito dagli agenti della Polizia Municipale, sarebbe stata l’autocombustione di una delle tre automobili ad innescare il possibile corto circuito che ha fatto andare in fumo i quattro automezzi.

Alle 5 di ieri mattina, i vigili del Fuoco di Modica erano già sul posto, su segnalazione dei residenti della palazzina di via Cristina, svegliati dall’odore acre che proveniva dall’esterno. Il crepitio delle fiamme è stato udito dagli stessi proprietari che si sono precipitati in strada ed hanno visto gli automezzi avvolti dalle fiamme.

I pompieri hanno domato le lingue di fuoco «svuotando» l’unica autobotte che era giunta in città. Alcuni curiosi sono scesi in strada, ostacolando le operazioni dei pompieri, i quali hanno allontanato, non senza difficoltà, quanti sono scesi in strada per constatare quanto stava accadendo. La zona è stata monitorata senza, tuttavia, trovare elementi che possano far pensare a un atto intimidatorio. Alla fine, quattro automezzi andati in fumo, tanta cenere per strada, mura delle abitazioni annerite, il bilancio di un’ora di lavoro da parte dei vigili del fuoco.

Si esclude, comunque, il dolo anche se i carabinieri della Stazione di Pozzallo non tralasciano alcuna pista al fine di capire se effettivamente l’incendio è da ricondursi a cause accidentali. Danni calcolabili, complessivamente, per più di 25 mila euro.

I residenti della palazzina hanno, comunque, rassicurato le forze dell’ordine di non aver ricevuto minacce di alcuna sorta, ed anche questa motivazione avvalora l’ipotesi dell’incidente casuale.