Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 943
POZZALLO - 23/07/2011
Cronache - L’esibizionista, che mostrava i suoi attributi, è stato arrestato

Marocchino si cala i calzoni dinanzi ad una vigilessa

Le accuse sono molteplici per Bhraim Alarsi, 40 anni

Un marocchino passeggiava sul Lungomare Pietrenere abbassando i pantaloncini per mostrare i suoi attributi. Lo ha fatto anche davanti ad una vigilessa, quando questa, chiamata da alcune persone, lo ha fermato chiedendogli i documenti. E’ stato necessario l’intervento dei carabinieri, che sono riusciti a bloccarlo e ad arrestarlo.

Le accuse sono molteplici per il marocchino Bhraim Alarsi, 40 anni, anche perché è risultato clandestino sul territorio italiano. Risponde, infatti, anche di atti osceni in luogo pubblico, disturbo della quiete pubblica e resistenza a pubblico ufficiale. L’uomo era stato notato da alcune persone che sostavano nel Lungomare nei pressi della statua di Padre Pio, probabilmente in stato di ebbrezza. In primo luogo aveva preso a importunare alcuni anziani, poi aveva rivolta la propria attenzione verso alcune donne che si trovavano con i figli nel parco giochi che si trova sul posto. Al cospetto di queste si era abbassato i pantaloncini.

Qualcuno ha segnalato l´immigrato ad un vigilessa in servizio nella zona che è immediatamente intervenuta, ma anche per lei era riservato lo spettacolo indecente. Quando l’operatrice di polizia municipale lo ha intercettato, ha chiesto che l’uomo esibisse i documenti d’identità. Bhraim Alarsi invece ha deciso di esibire i propri genitali abbassando ancora i pantaloncini. Nel frattempo è sopraggiunta una pattuglia dei carabinieri che ha cercato di ricondurre nei confini della degenza il marocchino che, però, ha opposto resistenza. Alla fine i militari sono riusciti nel loro intento. Dagli accertamenti, l’uomo è risultato in stato di clandestinità. Trasportato in caserma, dopo le formalità, è stato tratto in arresto e rinchiuso nel carcere di Piazza Gesù a Modica.