Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 705
POZZALLO - 24/05/2011
Cronache - I due ragazzi sono venuti alle mani per futili motivi

Lite tra 2 minorenni egiziani al centro di prima accoglienza

L’immigrato ha fatto ritorno al centro subito dopo essere stato medicato

Storie di ordinaria follia a Pozzallo. È finito al 118 di via Mazzini un immigrato minorenne preso a calci e pugni da un proprio connazionale, anch’esso minorenne. È successo domenica, ma la notizia è trapelata solo in queste ore dal centro di prima accoglienza del porto. Un banale motivo, forse una parola di troppo, la causa di tanto astio fra i due minorenni egiziani, incuranti della presenza al centro di un buon numero di forze dell’ordine. Chiamata l’ambulanza per accertamenti, il ragazzo ha riportato solo qualche escoriazione al volto. Nulla di grave. Bravi a dividere i due giovani non solo le forze dell’ordine ma anche i volontari della Protezione Civile di Pozzallo.

Una lite che poteva costare caro al giovane infortunato, curato dal personale medico del 118. L’immigrato ha fatto ritorno al centro subito dopo essere stato medicato. Il giovane preso di mira, adesso, è stato isolato dal resto del gruppo perché le forze dell’ordine temono che possano scoppiare nuove liti. I due giovani fanno parte del gruppo di immigrati sbarcati lo scorso venerdì. Ieri, intanto sono stati ultimati gli interrogatori che hanno portato all’arresto di tre egiziani, nella giornata di sabato, anche se le forze dell’ordine tengono alta la guardia su possibili novità riguardanti la vicenda dello sbarco di Santa Croce Camerina. Intanto, la pioggia, ieri, ha trattenuto il folto gruppo di immigrati all’interno del centro di prima accoglienza del porto di Pozzallo, che ospita al momento 222 immigrati, di cui 23 minori e 199 uomini.