Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:55 - Lettori online 1469
POZZALLO - 15/10/2010
Cronache - Pozzallo: nelle maglie della Finanza è incappato un commerciante ispicese

Scoperto evasore totale per un reddito di 150mila euro

Il contribuente, di nome ma non di fatto, non aveva ottemperato all’obbligo di presentazione del modello unico

Per scampare alla crisi si fa di tutto, e l’evasione fiscale fa purtroppo parte di questi escamotage. Lo sanno bene i militari della guardia di finanza della tenenza di Pozzallo, che hanno scovato il titolare di un supermercato. I finanzieri hanno in sostanza accertato che il commerciante, un ispicese di 48 anni, era un cosiddetto evasore totale.

Il contribuente, di nome ma non di fatto, non aveva ottemperato all’obbligo di presentazione del modello unico, attraverso il quale si dichiarano gli effettivi introiti derivanti dallo svolgimento dell’attività di impresa. In altre parole, l’uomo esercitava la sua attività di commerciante senza dichiararne il guadagno al fisco, al quale risultava di conseguenza del tutto sconosciuto. La verifica fiscale si è conclusa con il recupero a tassazione di un reddito pari a circa 150 mila euro, di operazioni imponibili ai fini dell’Iva per il medesimo importo e di un valore della produzione netta ai fini Irap pari a circa 20 mila euro.

L’evasore totale è stato scoperto dalla Finanza grazie ad un accurato incrocio dei dati disponibili nella banca dati dell’Anagrafe Tributaria, una sorta di «magazzino» contenente informazioni di qualunque tipo sul conto dei contribuenti. In questo contesto i controlli dei finanzieri proseguiranno in maniera certosina, in un particolare momento dove la lotta all’evasione fiscale rappresenta una priorità per l’Autorità Governativa, in quanto costituisce fonte di «allarme sociale» dagli effetti socio-economico devastanti.