Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1453
POZZALLO - 03/08/2010
Cronache - Pozzallo: incidente diplomatico nella cittadina marinara

Torre Cabrera "vietata" ai turisti russi. Scoppia la bagarre

Allo scoccare dell’orario di chiusura, i turisti si sono visti imporre l’alt da un funzionario della sicurezza, secondo regolamento

Alla faccia dell’accoglienza. Venti turisti russi sono stati lasciati davanti alla porta della torre Cabrera, il monumento più prestigioso di Pozzallo. Ai turisti russi è stato vietato l’ingresso nonostante avessero aspettato pazientemente il loro turno. Allo scoccare dell´orario di chiusura, i turisti si sono visti imporre l´alt da un funzionario della sicurezza. Erano le 23.20 e, per motivi di sicurezza, la torre Cabrera doveva chiudere, così come impone il regolamento. Un’argomentazione che non è andata giù ai turisti russi, che, a quel punto, si sono arrabbiati.

Sono volate parole grosse, qualcuno ha cominciato a spingere, mentre i turisti i russi non hanno voluto sentire ragioni: volevano entrare nella torre. Grida e urla si sono susseguiti alla presenza di altri turisti che sostavano nell´antistante piazzetta delle Sirene. Uno spettacolo davvero poco edificante, indegno di un centro marinaro votato, tra le altre cose, al turismo.

Alla fine, comunque, i venti turisti sono stati ugualmente lasciati fuori dalla torre Cabrera. L’associazione che gestisce il monumento per contro della Soprintendenza ai beni culturali di Ragusa, difatti, ha applicato in maniera scrupolosa il regolamento dettato dalla stessa soprintendente Vera Greco. I russi, che erano stati invitati a tornare, sono invece già partiti per far ritorno in patria, dove di certo porteranno commenti non entusiastici sulla gita a Pozzallo. Uno spiacevole incidente scaturito comunque dall’esigenza di rispettare un regolamento, che, magari solo in estate, potrebbe essere un po’ più elastico.