Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 1177
PALERMO - 13/03/2014
Cronache - Si va dalle ipotesi di reato di corruzione al finanziamento illecito ai partiti

Procura chiude indagini su Scoma, Incardona, Formica e altri

I politici potranno chiedere di essere nuovamente sentiti dai pm che decideranno poi se chiederne il rinvio a giudizio o l’archiviazione Foto Corrierediragusa.it

La procura di Palermo ha chiuso le indagini sul senatore di Forza Italia Francesco Scoma, ex assessore regionale alle politiche sociali, accusato di corruzione. Chiuse le indagini anche per gli ex assessori regionali Carmelo Incardona e Santi Formica, gli ex deputati regionali Gaspare Vitrano, Nino Dina e Salvino Caputo, finiti nell´inchiesta per finanziamento illecito ai partiti. Vanno verso la richiesta di archiviazione Lino Leanza e Francesco Cascio. I politici potranno chiedere di essere nuovamente sentiti dai pm che decideranno poi se chiederne l´archiviazione o il rinvio a giudizio. «Secondo i pm - scrive Repubblica Palermo - Scoma era andato in vacanza con moglie e figli a Capri, viaggio pagato da Faustino Giacchetto, manager della pubblicità al centro della grossa inchiesta sugli appalti truccati - per promozione e comunicazione della regione anche attraverso l´ente di formazione Ciapi - che portò a 17 arresti nel 2013. A Scoma sarebbero state pagate anche spese elettorali e biglietti per lo stadio». La procura si appresterebbe a chiedere il giudizio per Scoma mentre starebbe chiedendo l´archiviazione per l´ex presidente dell´Ars Francesco Cascio.

L´ex assessore regionale Gianmaria Sparma, che fino al novembre 2011 fece parte della giunta guidata dall´allora governatore Raffaele Lombardo, ha invece patteggiato la condanna a un anno e sei mesi, pena sospesa, ed è uscito dal processo sullo sperpero di denaro dell´ente di formazione Ciapi di Palermo. Il processo per sette imputati si è aperto il 4 marzo. Oltre a Faustino Giacchetto, che secondo l´accusa avrebbe pianificato un sistema illecito per gestire a suo piacimento, grazie alla presunta compiacenza di imprenditori, burocrati e politici, quindici milioni di euro destinati alla comunicazione del progetto Coorap, ci sono Stefania Scaduto e Concetta Argento (rispettivamente segretaria e moglie di Giacchetto), l´ex dirigente dell´Agenzia regionale per l´impiego Rino Lo Nigro, e l´ex assessore regionale Luigi Gentile.