Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 520
MONTEROSSO ALMO - 12/03/2010
Cronache - Monterosso Almo: il titolare, un 41enne di Ragusa, era sprovvisto delle autorizzazioni

Monterosso: centro scommesse irregolare, una denuncia

Sequestrate 5 postazioni per personal computer per l’accesso ad internet e 2 stampanti

«Se vuoi nascondere qualcosa, mettila in bella vista», diceva una volta il saggio. Un consiglio che il titolare di un centro di raccolta scommesse del tutto irregolare ha preso alla lettera, aprendo l’attività alla luce del sole, con tanto di insegne, indicazioni e depliant pubblicitari. Il centro di raccolta scommesse a prima vita appariva quindi del tutto regolare, ma ad un controllo approfondito della Guardia di finanza, è saltato fuori tutto l’opposto.

Il titolare del centro di raccolta scommesse era sprovvisto non solo di tutte le necessarie autorizzazioni rilasciate dall’Aams, l’organismo competente per svolgere l’attività organizzata di raccolta e accettazione delle scommese, ma non possedeva neanche la basilare autorizzazione di pubblica sicurezza ai fini delle norme di polizia. Di conseguenza il titolare del centro scommesse, un 41enne di Ragusa, è stato denunciato dalle Fiamme gialle, che hanno altresì sequestrato 5 postazioni per personal computer per l’accesso ad internet e 2 stampanti. Sequestrati anche numerosi palinsesti di giocate relativi a scommesse, effettuate tramite bookmaker esteri, raggiungibili, con stratagemmi volti ad aggirare l’oscuramento, tramite siti web inibiti dall’Aams.

Questi bookmaker esteri, infatti, non risultando tra le società aggiudicatarie del diritto all´attivazione della rete di gioco sportivo a distanza, e operano sul territorio italiano in palese contravvenzione alle norme previste dall’ordinamento italiano. L’attività resterà aperta come internet point, per la quale il titolare possedeva l’autorizzazione.