Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1443
MONTEROSSO ALMO - 06/08/2014
Cronache - Chiara la mano del piromane

Incendio forestale: danni per 100 milioni

Sono a rischio circa 300 ettari di superficie Foto Corrierediragusa.it

Quattro Canadair, undici squadre della Forestale, quindici autobotti, questi i numeri in campo per avere la meglio su uno spaventoso incendio boschivo, assolutamente di origine dolosa, che ha distrutto oltre 100 ettari di bosco in contrada Casasia per un danno di circa 100 milioni di euro. Si è trattato dell’incendio più devastante degli ultimi anni che ha provocato danni ingentissimi al patrimonio boschivo degli Iblei. Migliaia di piante di pino d´oltre 70 anni sono andate perse per sempre. Un danno che secondo alcune stime della Forestale ammonta a qualche milione di euro. Il piromane ha agito alle prime luci della sera di ieri, accendendo il fuoco in ben sette punti. Il suo intento era di fare il maggior danno possibile e c’è riuscito. Subito sul posto sono intervenuti gli uomini dell’antincendio della forestale che hanno fatto di tutto, in piena notte, per evitare che le fiamme si propagassero a macchia d’olio. Ma in questo duro lavoro non sono stati aiutati dalla natura dei luoghi alquanto impervi. Per tutta la notte si è lavorato per contenere il fronte del fuoco. Poi alle sette del mattino di oggi sono arrivati da Palermo ben quattro Canadair dei Vigili del Fuoco che per ben sei ore hanno scaricato sui pini in fiamme migliaia di litri d’acqua.

Gli aerei per tutto il tempo si sono riforniti d’acqua nel limitrofo bacino della diga Dirillo. Grazie alla vicinanza del bacino ove rifornirsi i lanci d’acqua si sono susseguiti a distanza di poco più di tre minuti. Si è trattata di una vera tempesta d’acqua per vincere le fiamme di chioma. Solo verso le ore 13 l’incendio era del tutto domato e gli aerei, coordinati dall’Ispettorato forestale di Ragusa, hanno aiutato le squadre a terra a bonificare l’area. Un lavoro durissimo, reso ancora più impegnativo dal vento di scirocco che ha stremato gli uomini. La prima conta dei danni è toccata al Comandante del Corpo Forestale di Ragusa, Giuseppe Dimartino, che ha seguito passo passo tutte le operazioni, in raccordo con la Prefettura di Ragusa e la Questura che ha avviato le indagini per identificare il piromane. Non si esclude però che tale gesto non sia riconducibile a un solo individuo.