Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 354
MONTEROSSO ALMO - 31/10/2012
Cronache - Le manette sono scattate ad opera dei Carabinieri

Giovane arrestato 2 volte in un anno

Per reati di droga. Il giovane è ai domiciliari Foto Corrierediragusa.it

I militari hanno arrestato un giovane del luogo, imputato per detenzione di stupefacenti ai fini dello spaccio. Gli stessi militari, lo scorso 25 giugno, avevano sorpreso il giovane 20enne mentre era intento a coltivare sette piante di canapa indiana, di varia grandezza, presso un appezzamento di terreno sito in quel comune.

La successiva perquisizione domiciliare permetteva di trovare, nascosti nell’armadio della stanza da letto, circa mezzo chilogrammo di marijuana, suddivisa in più dosi, delle quali alcune già pronte per essere vendute. Arrestato e rinchiuso in custodia presso la casa circondariale di Ragusa, veniva successivamente scarcerato e sottoposto agli arresti domiciliari.

Nel frattempo il monterossano ha patteggiato una pena pari a due anni e otto mesi di reclusione e una multa di 12mila euro. Il giovane, in attesa dell’appello, è però rimasto sottoposto ai domiciliari. I Carabinieri di Monterosso Almo hanno riscontrato e segnalato al tribunale di Ragusa più di una decina di violazioni delle prescrizioni imposte dal giudice al giovane. In particolare, ripetutamente il giovane aveva ricevuto visita di persone estranee alla famiglia.

Il Comando monterossano aveva quindi segnalato la cosa alla Procura della Repubblica, suggerendo l’opportunità di inasprire la misura cautelare. La Procura, sposando le richieste dei carabinieri ha proposto la custodia cautelare in carcere al Tribunale di Ragusa, custodia che è stata firmata ed eseguita martedì, quando, accompagnato dai carabinieri, al giovane si sono aperte per la seconda volta in un anno le porte di una cella del carcere di Ragusa.