Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 12 Dicembre 2018 - Aggiornato alle 23:58
MONTEROSSO ALMO - 11/02/2018
Cronache - E’ successo sabato sera al quartiere Matrice

Due ladri in casa di una donna accerchiati da circa 20 cittadini

Il piccolo paese montano, dove tutti si conoscono, ha dimostrato coraggio e solidarietà Foto Corrierediragusa.it

Due ladri originari di Niscemi che si erano intrufolati nella casa di una donna 50enne che vive nel quartiere Matrice, sono stati accerchiati e bloccati da una ventina di coraggiosi cittadini. Facendo squadra, i monterossani hanno impedito la fuga della coppia di malviventi, poi presa in consegna dai carabinieri. Le manette sono quindi scattate per Vincenzo Blanco e Gaetano Menzo, di 41 e 20 anni, il primo peraltro sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza con obbligo di soggiorno nel comune di residenza. Era stato un vicino di casa della donna a rendersi conto di ciò che stava accadendo, dopo aver sentito dei rumori sospetti provocati dalla smerigliatrice con la quale i due ladri stavano tentando di forzare un infisso della casa presa di mira per rubare, passando subito parola ai vicini. In breve, come accennato, oltre una ventina di monterossani hanno chiuso ogni via di fuga ai due ladri, che, dopo aver capito di essere stati scoperti, hanno tentato invano di defilarsi.

Il piccolo paese montano, dove tutti si conoscono, ha dimostrato coraggio e solidarietà, anche perché un certa inquietudine serpeggiava già da qualche tempo, dopo un altro colpo che, a quanto pare, era stato messo a segno sempre ai danni di una anziana indifesa. Non è escluso che anche in quel caso potesse trattarsi dei due ladri, stavolta bloccati dai cittadini e poi arrestati dai carabinieri. Ora sono entrambi ai domiciliari e si sta indagando sul loro conto per appurare eventuali altri furti in casa a loro carico.

Non è la prima volta che i coraggiosi cittadini del paese montano si improvvisano "vigilantes": nell´agosto 2015 una decina di monterossani avevano difatti messo in fuga cinque ladri incappucciati mentre erano intenti a sfondare la saracinesca di un bar tabacchi di piazza San Giovanni utilizzando un’auto a mo´ di ariete.