Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:02 - Lettori online 1168
MODICA - 15/06/2010
Cronache - Modica: i piromani della spazzatura colpiscono ancora una volta nella notte

Modica: terzo incendio di cassonetti in una settimana

Scontata la natura dolosa degli atti sui quali indaga la polizia Foto Corrierediragusa.it

Non si ferma l’azione dei piromani e la situazione in città desta preoccupazione. Altri tre cassonetti della spazzatura sono stati infatti dati alle fiamme nel cuore della notte.

L’incendio è stato appiccato nel piazzale antistante un supermercato lungo l’anello del polo commerciale. A nulla è valso l’intervento dei vigili del fuoco. Solo nel corso di questa settimana sono quindici i cassonetti bruciati ed una quarantina dall’inizio dell’anno.

La polizia è sul chi vive e sta interrogando alcune persone che potrebbero aver visto qualcosa. Sembra infatti che la scorsa notte una macchina sospetta si sia avvicinata ai cassonetti dati alle fiamme e poi si è allontanata a tutta velocità dopo che sono arrivati i vigili del fuoco. Le indagini si avvalgono anche di alcune registrazioni effettuate con le telecamere fisse di alcuni impianti privati di videosorveglianza.

ISPICA: ROVESCIATI CASSONETTI IN STRADA
di Eva Brugaletta

Ignoti vandali trascinano in mezzo alla strada e rovesciano due cassonetti utili alla raccolta dei rifiuti solidi urbani. Il fatto si è verificato nelle prime ore di sabato scorso, sulla provinciale 67, lungo la litoranea di Santa Maria del Focallo, ma l’automobilista che vi si è imbattuto (schivando i due contenitori) lo ha reso noto solo ieri. I cassonetti erano riversi l’uno a poche centinaia di metri dall’altro sul km 5 circa della litoranea.

Il fenomeno, purtroppo, non è nuovo. Episodi di questo genere sono stati registrati anche nel recente passato e sempre nella zona costiera. Finora, nulla di grave si è verificato, ma questa risulta una ben magra consolazione sulla scorta di quanto davvero grave possa accadere. E l’automobilista in questione precisa di «esser stato, davvero, molto fortunato».

La zona balneare ispicese, in modo inquietante e dirompente, è interessata da fenomeni criminali non solo legati alla frequente perpetrazione di atti vandalici. I furti nelle residenze estive sono quasi all’ordine del giorno. E il fenomeno dello spaccio di droga risulta anch’esso una piaga dilagante. La settimana scorsa la Guardia di Finanza ha colto in flagranza di reato tre malviventi che preparavano la droga da spacciare, allestendo quasi un laboratorio, nelle dune di sabbia sulla costa.