Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1359
MODICA - 17/05/2010
Cronache - Modica: una ventina di randagi hanno attaccato una porcilaia

Tornano i cani famelici, terrore in contrada Santa Rosalia

Due maiali sono stati sgozzati ed altri ventidue sono stati ridotti in fin di vita

E’ terrore in contrada S. Rosalia. Un branco di una ventina di cani ha attaccato una porcilaia. Due maiali sono stati sgozzati ed altri ventidue sono stati ridotti in fin di vita. Ci sono voluti alcuni spari a salve del nucleo di polizia municipale a mettere in fuga il branco dopo che un gruppetto di meticci hanno attaccato anche il proprietario dell’azienda ed alcuni suoi collaboratori.

Il danno per l’azienda zootecnica è rilevante ma grande è stata la paura che il branco ha creato nel cuore della notte. Il proprietario ha descritto l’attacco nei dettagli; i cani, tutti meticci e di media e grossa stazza, si sono avvicinati ululando alla porcilaia; poi è partito l’attacco verso gli animali custoditi nel recinto. Nessuno dei maiali è sfuggito all’attacco che si è consumato nel giro di poco meno di mezzora. Gli animali sono stati attaccati alla gola ed addentati in varie parti del corpo. Così sono stati ritrovati infatti dal proprietario dell’azienda, S. L., che ha cercato in tutti i modi far desistere il branco.

Molti dei maiali sono stati ritrovati sanguinanti in varie parti della porcilaia quasi in fin di vita ed è difficile che possano rimettersi in sesto. Non appena l’attacco del branco è partito il proprietario ha cercato di mettersi in contatto con il nucleo speciale dei vigili urbani creato proprio per controllare sul territorio. Quando i vigili sono arrivati nell’azienda l’attacco era stato già consumato anche se alcuni cani, tra cui quello che si ritiene il capobranco, sono ritornati alla carica tanto da indurre i vigili a sparare a salve.

Per tutta la giornata di lunedì è scattata la caccia al branco ed alcuni cani sono stati avvistati nella vallata, riparati sotto gli alberi. Vigili, guardie zoofile ed esperti della Dog Professional hanno cercato in tutti i modi di stendere un cordone sanitario attorno all’azienda zootecnica stendendo anche il perimetro della gabbia all’interno della quale si spera di poter catturare i cani. La notizia dell’attacco del branco si è sparsa per tutta la contrada S. Rosalia, che si trova tra le contrade di Beneventano e Scorrione, una parallela alla provinciale per Pozzallo.

Si tratta di una zona dove ci sono altri insediamenti avicoli ed agricoli e la paura per i proprietari di subire altri attacchi è molto diffusa. In allarme anche molti residenti nella zona dove insistono parecchie case di villeggiatura ma anche proprietà di agricoltori che vivono vicino alle aziende. Per contrada S. Rosalia è il primo episodio grave e la concentrazione di una ventina di cani ha fatto salire la preoccupazione.