Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 615
MODICA - 06/05/2010
Cronache - Pozzallo: sarebbero stati scaricati in mare rifiuti pericolosi

Pozzallo: inquinamento Vega oil, Edison chiamata a giudizio

Il reato sarebbe stato commesso per risparmiare decine di milioni di euro Foto Corrierediragusa.it

Avrebbero causato danni pesanti all’ecosistema del tratto di mare antistante Pozzallo, a causa dello sversamento in mare, in maniera illecita, di rifiuti speciali pericolosi dalla piattaforma galleggiante Vega. Tutto questo per risparmiare decine di milioni di euro.

Devono difendersi dal reato di inquinamento ambientale Marcello Costa, direttore responsabile della Vega; Michele Giannone e Lavadera Lubrano, comandanti pro tempore della Vega Oil; Angelo Maione, responsabile per la sicurezza e l’ambiente del sito di coltivazione e produzione mineraria Campo Vega; Umberto Quadrino, amministratore delegato della Edison S.p.A., proprietaria del galleggiante «Vega Oil», annesso al sito di coltivazione e produzione mineraria del Campo Vega, di cui è società concessionaria, e Andrea Cosulich, amministratore delegato della «Fratelli Cosulich S.p.A.», società armatrice del galleggiante.

Il procuratore Francesco Puleio e l’avvocatura dello Stato, che si è costituita parte civile in giudizio per conto del Ministero dell’Ambiente, hanno chiesto di citare in giudizio, quale responsabile civile per gli ingenti danni provocati all´ecosistema marino, la società Edison s.p.a. di Milano, proprietaria della struttura.

Secondo l’accusa, i responsabili del Campo Vega avrebbero sversato in mare, con modalità illecite e nocive per l´ecosistema, ma che consentivano alla Edison risparmi di spesa per decine di milioni di euro, rifiuti speciali pericolosi quali acque di strato, acque di lavaggio e acque di sentina, derivanti dall’attività estrattiva e di stoccaggio degli idrocarburi coltivati nella concessione mineraria, con conseguente inquinamento della zona.

Il processo è stato rinviato al 21 ottobre per consentire la presenza in giudizio della Società Edison chiamata a rispondere del danno ambientale.